Attualità

Da Informatica a Scienze agrarie, all'Uniba tasse ridotte per le studentesse che scelgono corsi di laurea a 'bassa presenza' femminile

La novità introdotta nel regolamento tasse 2021/2022 per incentivare l'iscrizione delle donne a corsi di laurea che hanno un tasso di frequenza femminile al di sotto del 30%

Tasse ridotte per le studentesse che decidono di iscriversi a corsi di laurea dell'Uniba con un tasso di frequenza femminile al di sotto del 30%. E' la misura introdotta dall'Università di Bari con il nuovo Regolamento tasse 2021/2022 per incentivare l’iscrizione delle donne ai corsi di laurea che contano poche iscrizioni tra le donne. 

"In linea con il principio della parità di genere sancito dalla Carta dei diritti fondamentali dell'Unione Europea, le studentesse con ISEE non superiore a € 30.000 iscritte ai corsi di laurea in cui il tasso di frequenza femminile è al di sotto del 30%, entro la durata normale del corso di studio aumentata di uno, usufruiranno di una riduzione del 30% del contributo onnicomprensivo", spiega Uniba in una nota.

L’esonero parziale riguarda  i corsi di laurea triennale in Informatica, Informatica e comunicazione digitale (TA), Informatica e tecnologie per la produzione del software, Fisica, Scienze e Tecnologie agrarie, Storia e Scienze sociali. Corsi di laurea Magistrale in Computer Science, Data Science, Medicina delle piante, Phisics, Scienze Agro-ambientali e territoriali, Scienze e Tecniche dello sport, Scienze e Tecnologie dei materiali, Scienze strategiche marittimo-portuali, Sicurezza Informatica.

"I dati ci dicono che pur essendo le donne iscritte all’Ateneo circa il 62% del totale, la percentuale si abbassa per alcuni corsi di laurea. E per invertire questa rotta -  spiega il Rettore Stefano Bronzini – l’Università di Bari ha fortemente sostenuto questa iniziativa che vuole favorire una più ampia partecipazione delle donne anche ai corsi di studio tradizionalmente “maschili”, per aprire la strada ad una sempre maggiore partecipazione delle donne in determinati ambienti di lavoro".

Le altre agevolazioni

Confermata anche per l'anno accademico 2021/2022 la no tax area ampliata dall'Ateneo sino a € 25.000 valore ISEE, misura presa già l’anno scorso per venire incontro alle difficoltà economiche delle famiglie in questo periodo di emergenza. Confermate anche le riduzioni sulla contribuzione per chi ha ISEE da 25.000€ a 30.000€.

Viene introdotta inoltre, sempre nell’ottica di facilitare le famiglie in difficoltà, la possibilità per lo studente, che versa in una situazione debitoria pregressa, risalente almeno ai due anni accademici precedenti, di importo pari o superiore ad € 1.000,00, di chiedere, con motivata istanza, la rateizzazione del debito fino ad un massimo di sei rate a cadenza bimestrale, senza interessi.

Sono confermati l’esonero totale per le studentesse madri, per i figli nati dal 1 ottobre 2021 al 30 settembre 2022 e l’esonero parziale per il personale tecnico amministrativo UniBA di ruolo in  servizio o in quiescenza e i loro figli, per il personale  di ruolo in servizio o in congedo per quiescenza e i loro figli di enti o istituzioni, residenti nella regione Puglia, che abbiano stipulato apposita convenzione con l'Università di Bari, per per gli studenti in regime di detenzione negli Istituti penitenziari della Puglia.

Nel regolamento viene inserita anche una nuova modalità di pagamento della contribuzione studentesca, in linea con le nuove disposizioni legislative, che dovrà avvenire attraverso l'utilizzo del sistema PagoPA.

Confermato il GRANT, nella misura dell’80% del contributo onnicomprensivo, agli studenti che hanno conseguito il titolo di laurea triennale nel prolungamento della sessione straordinaria dell’a.a. 2019/2020 per l’iscrizione a un corso di laurea magistrale nella a.a. 2021/2022 presso l’Università di Bari. Con riferimento al GRANT il nuovo regolamento conferma l’attribuzione dello stesso ai beneficiari già contemplati.

 
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Da Informatica a Scienze agrarie, all'Uniba tasse ridotte per le studentesse che scelgono corsi di laurea a 'bassa presenza' femminile

BariToday è in caricamento