Niente tasse universitarie per gli studenti pugliesi che rientrano in atenei da fuori regione: "Aiuto per le famiglie"

Lo ha stabilito la Regione, come spiegato dall'assesore pugliese all'Istruzione, Sebastiano Leo, per far fronte alle difficoltà economiche legate alla crisi covid

Gli studenti universitari pugliesi iscritti fuori regione potranno iscriversi ad un ateneo pugliese non pagando la tasse universitarie re quella regionale per i diritto allo studio. Lo ha stabilito la Regione, come spiegato dall'assesore pugliese all'Istruzione, Sebastiano Leo, per far fronte alle difficoltà economiche legate alla crisi covid.

L’incentivo consiste nel riconoscere alle studentesse e agli studenti iscritti in atenei fuori regione nell’anno accademico 2019-20, che decidano di trasferirsi in una università pugliese per l’anno accademico 2020-21, di non pagare la tassa regionale per il diritto allo studio universitario e le tasse universitarie. La misura è a sportello, quindi le domande sono valutate in ordine di arrivo e fino ad esaurimento dei fondi stanziati. L’intervento sarà attuato dall’Agenzia Regionale per il Diritto allo Studio Universitario ADISU Puglia, anche attraverso accordi con gli atenei e le AFAM pugliesi. L’iniziativa in favore degli studenti universitari che studiano fuori regione è stata preceduta da un investimento di 4,5 milioni destinati a erogare bonus di 500 euro per ogni studente in condizione di fragilità economica in modo da supportare la didattica a distanza e 12 milioni per la copertura totale delle borse di studio Adisu, anche per il prossimo anno accademico.

“Ho dato una risposta concreta alle tante sollecitazioni delle famiglie e alle richieste delle Università pugliesi – afferma Leo – che avvertono la necessità di agevolare il rientro di studentesse e studenti universitari, in Puglia. Questo investimento poggia su un’analisi approfondita di quanto è avvenuto nella fase iniziale dell’emergenza sanitaria quando i numerosi rientri degli studenti fuorisede, dalle regioni maggiormente colpite dal contagio, ha rappresentato una criticità per le politiche di contenimento della diffusione del virus. Oltre a causare un problema sanitario, il Covid-19 ha ridotto la capacità delle famiglie nel sostenere i propri figli agli studi. Per queste ragioni ho ritenuto doveroso intervenire con un incentivo che riporti a casa i nostri giovani in modo da ridurr ele situazioni di potenziale contagio da Covid-19 ed evitare alle famiglie le spese eccessive in una fase di difficoltà economiche".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Puglia resta 'zona arancione', la decisione del ministro Speranza: misure confermate

  • Muore a 53 anni l'avvocata Antonella Buompastore, ex proprietaria del Kursaal Santa Lucia

  • Asfalto viscido per la pioggia, auto si ribalta e finisce fuori strada: muore 19enne

  • Dagli spostamenti tra regioni ai cenoni (vietati), il nuovo Dpcm e le misure al vaglio per Natale

  • Marito e moglie affetti da covid morti a distanza di 4 giorni, Bitonto in lutto

  • Bari, smantellato traffico internazionale di droga: 15 arresti, sequestri di beni per 3,5 milioni

Torna su
BariToday è in caricamento