menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Prosegue la campagna vaccinale anti Covid per fragili e over 80 nel Barese: attivato domicilio nel distretto di Putignano

Programmate complessivamente anche 3.702 somministrazioni in 41 punti vaccinali comprendenti hub, carcere di Bari, centri territoriali ed ospedalieri e destinate alle categorie prioritarie fissate dai piani nazionali e regionali

Prosegue la somminstrazione dei vaccini anti Covid a Bari e in provincia, in particolare per i cittadini fragili e gli anziani ultra 80enni: melle strutture complesse degli ospedali Di Venere a Carbonara e Don Tonino Bello a Molfetta sono in corso 170 somministrazioni a pazienti dializzati tra mattina e pomeriggio.

Le somministrazioni ai pazienti in trattamento dialitico proseguiranno anche domani e per tutta la settimana ad Altamura, Bitonto, Putignano, Monopoli, Conversano e Gioia del Colle, oltre ai centri privati, per un totale di 854 vaccinazioni già calendarizzate.

A Putignano è stato avviato oggi il primo test in provincia di Bari riservato alla somministrazione a domicilio per over 80 non deambulanti. Il direttore del Distretto socio sanitario, Enzo Gigantelli, ha consegnato 100 dosi (sulle 400 programmate) di vaccino Moderna ai medici di base di Putignano. Le prime dosi sono state somministrate a domicilio dalla dottoressa Rosa Donnaloia, medico di medicina generale, ad un paziente 87enne allettato e alla moglie caregiver di 78. Seconda tappa a casa di un 94enne e di sua moglie, 90enne. In giornata sono partiti anche altri sei medici appartenenti ad un’aggregazione di medicina di base di Putignano. Il programma prevede la progressiva distribuzione di vaccini ai medici di medicina generale di Castellana Grotte, Noci, Alberobello e Locorotondo.

Programmate complessivamente anche 3.702 somministrazioni in 41 punti vaccinali comprendenti hub, carcere di Bari, centri territoriali ed ospedalieri e destinate alle categorie prioritarie fissate dai piani nazionali e regionali. Al Policlinico di Bari, infine, sono stati vaccinati 30 pazienti dializzati e 12 pazienti affetti da una malattia rara, la febbre mediterranea familiare.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento