Costa sud da valorizzare: dalla Regione 1 milione e 300mila euro per la riqualificazione delle lame

Finanziato il progetto candidato dal Comune: le azioni prevedono il ripristino ambientale della foce del torrente Valenzano e del percorso tra Pane e Pomodoro e Torre Quetta. Nel piano anche interventi per baia San Giorgio

Un finanziamento di un milione e 300mila euro per valorizzare e riqualificare la costa sud. I fondi regionali sono stati assegnati al progetto presentato dal Comune sulla “Valorizzazione del paesaggio della costa sud con restauro ambientale delle foci delle lame e progetto di fruizione dei siti archeologici”, nell’ambito dell’avviso “Paesaggi costieri”, una delle linee del più ampio bando regionale “Interventi per la tutela e la valorizzazione di aree di attrazione naturale”, finanziato con fondi del PO Puglia FESR-FSE 2014/20 “Tutela dell’ambiente e promozione delle risorse naturali e culturali”.

Interventi da Pane e Pomodoro a Torre a Mare

L’intervento complessivo è orientato alla valorizzazione del sistema ecologico e al potenziamento della fruizione della linea di costa a sud della città, nel tratto compreso tra la spiaggia di Pane e Pomodoro e Torre a Mare. Le azioni prevedono il ripristino, dal punto di vista ambientale, della foce del torrente Valenzano e della continuità del percorso tra le spiagge di Pane e Pomodoro e di Torre Quetta. Il progetto, inoltre, contempla interventi di riqualificazione della spiaggia di baia San Giorgio attraverso la deimpermeabilizzazione delle aree tramite la rimozione dell’asfalto da alcune porzioni della spiaggia e il recupero naturalistico delle aree circostanti gli argini. Previsti inoltre il recupero e la fruizione dell’area archeologica di Punta Penna, a Torre a Mare, e il restauro ambientale dell’ultimo tratto della foce di Lama Giotta, sempre a Torre a Mare.

"Restituiamo caratteri di naturalità ad un tratto senza costruzioni"

“Questo insieme di interventi di rigenerazione ecologica - sottolinea l’assessora all’Urbanistica Carla Tedesco - ci consentirà di restituire caratteri di naturalità all'unico tratto costiero del territorio comunale non occluso da edificazioni e a diretto contatto con il mare, in linea con la grande operazione avviata attraverso il concorso internazionale di idee Costasud. Più a sud,  il recupero e la possibilità di fruizione dell'area archeologica di Punta Penna a Torre a mare rappresenta un tassello importante della strategia di tutela e valorizzazione del patrimonio culturale, che è alla base del nuovo PUG”.

“Gli interventi interessano un tratto di costa molto amato dagli sportivi e dai gruppi ambientalisti - commenta l’assessore Pietro Petruzzelli - che più volte mi hanno suggerito di valorizzare la rilevanza ecologica delle foci delle lame. La creazione di punti di sosta e di osservazione del paesaggio e della fauna, previsti dal progetto, potrebbero contribuire alla riqualificazione ambientale stimolando nuove pratiche d'uso del territorio. Nella zona della foce del canale Valenzano sostano numerosi uccelli migratori, e proprio qui nidifica il fratino, un piccolo trampoliere la cui presenza testimonia la buona salute dell’ambiente marino costiero”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Puglia 'promossa' da domenica? Dati Covid in miglioramento, si va verso la zona gialla

  • Verso il Dpcm del 3 dicembre, tra ipotesi di nuove restrizioni e deroghe per i ricongiungimenti familiari

  • Scontro tra auto e bici sulla Statale 16 a Torre a Mare: muore ciclista 31enne

  • L'indice Rt scende sotto l'1 in Puglia e Lopalco risponde ai medici: "Non siamo regione da zona rossa"

  • Tragico incidente sulla statale 16 a Bari: impatto tra auto e camion, muore donna

  • Investe ciclista sulla ss16 e fugge, arrestata pirata della strada: positiva all'alcol test

Torna su
BariToday è in caricamento