Mercoledì, 22 Settembre 2021
Attualità

Più di quattromila test eseguiti, infermiere in prima linea contro il Covid riceve vaccino: "Intravediamo la luce, ma non abbassiamo la guardia"

Fabio Specchia, operatore della Asl Bari, da marzo è impegnato nella lotta contro il Coronavirus: è stato uno dei vaccinati durante il V-day di ieri. Nel suo messaggio un invito a continuare a rispettare le regole per contrastare il virus

Più di quattromila tamponi eseguiti da marzo ad oggi, nel suo impegno silenzioso in prima linea contro la pandemia: Fabio Specchia, infermiere della Asl Bari, è a suo modo un 'recordman' della lotta al Coronavirus. Nel Vax Day di ieri, è stato tra i primi a ricevere il vaccino, nell'ambulatorio pediatrico Covid free dell'ospedale Di Venere.

Un primo "grande risultato dopo mesi di pandemia – ha commentato l’infermiere del team Covid dopo la vaccinazione –  oggi abbiamo intravisto la luce dopo mesi bui, ma non dobbiamo abbassare la guardia e continuare a rispettare le regole per contrastare la diffusione del virus".

Insieme a lui, tra i primi vaccinati al Di Venere anche il medico Usca, Ilaria Notaristefano: "Siamo i primi tasselli di un grande puzzle che dobbiamo costruire tutti insieme – ha detto la dottoressa Notaristefano - e iniziamo noi come personale sanitario, ma c’è bisogno della collaborazione di tutti perché il vaccino raggiunga il suo obiettivo".

(Foto Asl Bari)
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Più di quattromila test eseguiti, infermiere in prima linea contro il Covid riceve vaccino: "Intravediamo la luce, ma non abbassiamo la guardia"

BariToday è in caricamento