menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Più di quattromila test eseguiti, infermiere in prima linea contro il Covid riceve vaccino: "Intravediamo la luce, ma non abbassiamo la guardia"

Fabio Specchia, operatore della Asl Bari, da marzo è impegnato nella lotta contro il Coronavirus: è stato uno dei vaccinati durante il V-day di ieri. Nel suo messaggio un invito a continuare a rispettare le regole per contrastare il virus

Più di quattromila tamponi eseguiti da marzo ad oggi, nel suo impegno silenzioso in prima linea contro la pandemia: Fabio Specchia, infermiere della Asl Bari, è a suo modo un 'recordman' della lotta al Coronavirus. Nel Vax Day di ieri, è stato tra i primi a ricevere il vaccino, nell'ambulatorio pediatrico Covid free dell'ospedale Di Venere.

Un primo "grande risultato dopo mesi di pandemia – ha commentato l’infermiere del team Covid dopo la vaccinazione –  oggi abbiamo intravisto la luce dopo mesi bui, ma non dobbiamo abbassare la guardia e continuare a rispettare le regole per contrastare la diffusione del virus".

Insieme a lui, tra i primi vaccinati al Di Venere anche il medico Usca, Ilaria Notaristefano: "Siamo i primi tasselli di un grande puzzle che dobbiamo costruire tutti insieme – ha detto la dottoressa Notaristefano - e iniziamo noi come personale sanitario, ma c’è bisogno della collaborazione di tutti perché il vaccino raggiunga il suo obiettivo".

(Foto Asl Bari)
 

In Evidenza
social

Lolita Lobosco, Bari in tv è bellissima ma sui social piovono critiche:"Quell'accento una forzatura, noi non parliamo così"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento