rotate-mobile
Attualità

“Le nuove forme di violenza a danno delle fasce deboli”

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BariToday

Secondo le stime dell’Oms, in Europa circa 4 milioni di anziani ogni anno sono vittime di abusi fisici e psicologici, 10 milioni riportano conseguenze a lungo termine e 2500 perdono la vita. Un fenomeno in probabile aumento nei prossimi anni, per via dell’invecchiamento della popolazione: nel 2025 la popolazione europea sopra i 60 anni sarà più che raddoppiata, mentre nel 2050 si calcola che un terzo della popolazione sarà ultrasessantenne. De “Le nuove forme di violenza a danno delle fasce deboli” si parlerà nel corso di un incontro dibattito la mattina del 12 novembre alle ore 9:00, nell’auditorium dell’Istituto Lenoci in via Caldarola a Bari, organizzato da ANTEAS Puglia, FNP Cisl Puglia e l’associazione Gens Nova, All'incontro, interverranno Filippo Turi seg. Generale FNP CISL Puglia, Laura Ravazzoni Vice Presidente ANTEAS Nazionale, Vitantonio Taddeo Presidente ANTEAS Puglia, il Presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, la Dottoressa Rosa Barone Assessore Regionale alle politiche sociali, l'Avv. Penalista Antonio La Scala, esperto in materia di reati sulle violenze di genere, minori e anziani, la Dott.ssa Simona Filoni, Procuratore Capo del Tribunale dei minori di Lecce. Concluderà i lavori Patrizia Volponi, Segretaria Nazionale FNP Cisl. L'incontro sarà moderato dalla giornalista Patrizia Camassa. Nel corso dell’incontro video e testimonianze di vittime di violenza. Non solo violenze fisiche, ma si affronteranno anche i disagi e le sottomissioni, dovute alla violenza psicologica ed economica, ossia comportamenti di umiliazione, controllo ed intimidazione, nonché di privazione o limitazione nell’accesso alle proprie disponibilità economiche o della famiglia, anche e soprattutto verso gli anziani ospiti nelle case di riposo, in cui dovrebbero essere accuditi amorevolmente, e invece vivono l’inferno.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Le nuove forme di violenza a danno delle fasce deboli”

BariToday è in caricamento