rotate-mobile
Martedì, 25 Giugno 2024
Attualità

Plastica, vetro, vecchi pneumatici e arredi: i volontari ripuliscono il parco di Lama Balice dai rifiuti abbandonati

L'iniziativa, promossa da Legambiente ed ente parco, ha visto anche la partecipazione di alcuni studenti, con l'obiettivo di lanciare un messaggio di attenzione per la tutela dell'ambiente

Muniti di aste, guanti, sacchi e rastrelli, hanno ripulito dai rifiuti abbandonati un tratto della strada Palese-Modugno che attraversa il parco di Lama Balice. Volontari di Legambiente e di altre associazioni cittadine, e studenti di alcune scuole baresi, si sono dati appuntamento questa mattina per l'iniziativa 'Puliamo il parco'.

In totale, i partecipanti hanno raccolto 54 sacchi di rifiuti tra plastica e lattine, vetro e indifferenziato, e recuperato diversi ingombranti tra cui frigoriferi, pneumatici e arredi. All'iniziativa ha partecipato anche l'assessore all'Ambiente del Comune di Bari, Pietro Petruzzelli.

La giornata, promossa dal Circolo Legambiente Eudaimonia Bari e dal Parco Lama Balice, è nata per lanciare un messaggio di attenzione alla tutela dell'ambiente e contrastare il fenomeno delle micro-discariche lungo le strade e all’interno delle aree perimetrate del Parco dove immancabilmente, ogni anno, vengono abbandonati rifiuti ad opera di molti che scaricano rifiuti indifferenziati e non riciclabili nell’area protetta, in pieno spregio alle norme di pulizia vigenti e ai più basilari criteri di educazione civica.

“Abbiamo accolto con entusiasmo l’invito del Circolo di Legambiente, e siamo tornati negli stessi luoghi, della vecchia provinciale Palese - Modugno, dopo 4 mesi, perché riteniamo importante la sinergia fra tutta la cittadinanza e il dovere di educare al rispetto delle risorse naturali e alla corretta gestione dei rifiuti - afferma una nota del Parco di Lama Balice. Questa giornata costituisce l’occasione per ribadire il diritto di riappropriarsi, in termini di stretta tutela ambientale, del territorio del Parco nonché contribuisce a mettere in atto un radicale intervento di pulizia straordinaria dei focolai di spazzatura presenti nell’area del Parco.  La nostra presenza intende anche sollecitare i sindaci dei comuni, i cittadini e l’opinione pubblica, in generale, sui temi della protezione delle risorse naturali nonché valorizzare le tante forze dell’associazionismo e del volontariato ambientale per la corretta gestione dei rifiuti.  Essenziale è il ruolo svolto dai volontari che nello svolgimento delle funzioni di sentinelle ambientali potrebbe essere anche riconosciuti poteri di vigilanza attiva e di accertamento sui comportamenti scorretti di coloro che abbandonano i rifiuti. Il fenomeno dell’abbandono dei rifiuti è una offesa alla identità naturalistica del Parco e nel contempo costituisce sfigurazione del paesaggio e dei luoghi della Terra di Bari”.

“Questo evento in occasione dell’annuale campagna di Puliamo il Mondo è molto più che una giornata di pulizia del Parco – spiega il Circolo Legambiente Eudaimonia Bari promotore dell’evento - è un messaggio straordinario di speranza e di educazione ambientale che nasce dal basso, dai volontari, dalle scuole e che cresce di anno in anno creando rete tra pubblico, privato e associazionismo. Questa edizione sta riscuotendo il favore di tanti Istituti scolastici ed organizzazioni ambientali, di volontariato ed associazioni innamorati del nostro territorio, che rappresentano la parte più civile e attenta al rispetto del patrimonio naturalistico del Parco di Lama Balice. Purtroppo, ancora oggi è fortemente persistente, in una fetta di popolazione, una certa arretratezza culturale che fa sì che le aree rurali e le aree protette vengano scambiate come luogo deputato all’abbandono dei rifiuti, in quanto sufficientemente lontano dai propri occhi generando il vergognoso fenomeno delle micro-discariche. A questo malcostume si aggiungono anche gli sporadici cittadini che si rendono colpevoli di episodi di inciviltà diffusa, di abusi, di deturpazioni quotidiane e che lasciano tra i sentieri e strade del parco cumuli di spazzatura in spregio del decoro e del rispetto del nostro territorio. Con questa iniziativa si intende educare i nostri ragazzi e i nostri conterranei a evitare di buttare la spazzatura, o anche una singola cicca di sigaretta e far capire che il benessere del nostro ecosistema sta nella raccolta differenziata dei rifiuti e nel rispetto dell’ambiente. È necessario vincere questa battaglia di civiltà a cominciare dalla difesa e dalla protezione della nostra natura”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Plastica, vetro, vecchi pneumatici e arredi: i volontari ripuliscono il parco di Lama Balice dai rifiuti abbandonati

BariToday è in caricamento