"Ancora nessuna cura per la Xylella, tutta l'Ue a rischio"

Ad affermarlo è l'Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa) in due pareri resi noti oggi: cruciali restano - sottolineano gli esperti - le misure di controllo e la loro tempestiva applicazione

Nonostante alcuni trattamenti sperimentati in questi anni siano riusciti a ridurne i sintomi, non esiste ancora una cura in grado di debellare il batterio della Xylella fastidiosa. Sono le conclusioni di due pareri espressi dalla Efsa (Autorità europea per la sicurezza alimentare) resi noti oggi.

Di fatto, si evince dalle conclusioni, la minaccia Xylella riguarda non solo i Paesi mediterranei, ma la maggior parte del territorio dell'Unione europea. In assenza di una cura, fondamentale resta l'applicazione tempestiva delle misure di controllo Ue, ovvero il taglio delle piante infette e di quelle suscettibili di infezione nel raggio di 100 metri insieme al controllo degli inetit vettori.

La lotta alla xylella, sottolineano gli esperti Efsa nei documenti con cui aggiornano allo stato attuale delle conoscenze scientifiche altrettanti rapporti del 2015, è complicata dal ritardo con cui si manifestano i sintomi.

Potrebbe interessarti

  • 8 trucchi per togliere le pieghe sui vestiti senza usare il ferro da stiro

  • Le tignole mangiano il guardaroba: i rimedi per eliminarle dal nostro armadio

  • 5 benefici per chi cammina in riva al mare

  • La Tiella di Patate Riso e Cozze

I più letti della settimana

  • Annega in mare a Metaponto, muore mamma 26enne residente nel Barese. Salva la figlia di 6 anni

  • Auto si ribalta all'altezza di una rotatoria, 32enne barese muore in provincia di Milano

  • Scomparso da due giorni a Modugno: 52enne ritrovato senza vita

  • Tentato omicidio Gesuito in zona Cecilia, arrestato il boss Andrea Montani: "Agì per vendicare morte del figlio"

  • Ragazzo di 17 anni trovato morto in casa a Monopoli, decesso per cause naturali. Indaga la Polizia

  • Si staccano pietre da Lama Monachile e finiscono in mare, stop ai bagni accanto alla parete rocciosa

Torna su
BariToday è in caricamento