rotate-mobile
Attualità

"Il batterio della Xylella in Italia grazie a una pianta di caffè": la conferma da uno studio assieme a ricercatori baresi

A confermare l'ipotesi della provenienza del killer degli ulivi dalla Costa Rica una ricerca condotta da scienziati in Italia, Francia e Stati Uniti pubblicato sulla rivista scientifica 'Nature', a cui ha partecipato la ricercatrice italiana Maria Saponari del Cnr-Ipspi di Bari

Il batterio della Xylella fastidiosa, che da anni sta devastando l'ovicoltura pugliese, è arrivato da una pianda di caffè giunta nel 2008 in Italia dalla Costa Rica: a confermare l'ipotesi della provenienza del killer degli ulivi è uno studio condotto da scienziati in Italia, Francia e Stati Uniti pubblicato sulla rivista scientifica 'Nature', a cui ha partecipato la ricercatrice italiana Maria Saponari del Cnr-Ipspi di Bari. Lo riporta l'Ansa.

Sotto la lente anche alcuni tratti genetici che potrebbero aver aiutato il batterio a diffondersi. "Xylella fastidiosa è un patogeno invasivo che può infettare almeno 595 specie di piante - spiega Saponari - scoperto in Europa nel 2013 provoca il cosiddetto Complesso del disseccamento rapido dell'olivo (Codiro), che fa seccare foglie, ramoscelli e rami, uccidendo rapidamente la pianta". Il nome fastidiosa deriva dalla difficoltà di coltivarla in laboratorio, contrariamente a batteri come l'Escherichia coli; ecco perché all'inizio dell'epidemia è stato difficile dimostrare che il batterio fosse la causa della morte degli alberi. Tra il 2013 e il 2017, gli scienziati hanno raccolto campioni di ramoscelli da più di 70 alberi infetti e hanno utilizzato un nuovo protocollo per estrarne il Dna batterico, concentrandosi sulla sua variabilità. "Più differenze vediamo nelle sequenze - precisa la ricercatrice - più a lungo Xylella deve essere stata in Italia, perché significa che ha avuto più tempo per produrre mutazioni mentre si adattava al nuovo ambiente e alla nuova specie ospite". E questo Dna è stato anche confrontato con quattro campioni costaricani di piante di caffè, che confermano l'idea che l'agente patogeno italiano provenga dall'America centrale.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Il batterio della Xylella in Italia grazie a una pianta di caffè": la conferma da uno studio assieme a ricercatori baresi

BariToday è in caricamento