Attualità

Si torna in zona rossa: dagli spostamenti alle chiusure dei negozi, cosa cambia da oggi 31 dicembre

Le restrizioni saranno valide da oggi fino al 6 gennaio, con l'unica eccezione di lunedì 4, giornata 'arancione': restano aperti supermercati e altre tipologie di negozi, ma gli spostamenti sono consentiti solo per comprovate esigenze di lavoro, necessità o salute

La Puglia, come tutta Italia, ritorna da oggi in zona rossa. Le restrizioni previste per l'area 'di rischio elevato' resteranno valide fino al 6 gennaio, con la sola eccezione di lunedì 4, unica giornata 'arancione'.

Spostamenti e autocertificazione

Cosa cambia (nuovamente) dunque da oggi? Il primo punto, come ricorda Today.it, riguarda gli spostamenti: vietati se non per comprovate esigenze di lavoro, necessità o salute. È comunque permesso raggiungere in due (sono esclusi gli under 14, persone disabili e non autosufficienti) una sola abitazione al giorno all’interno della propria regione, secondo le deroghe previste dal decreto Natale. Resta comunque necessaria l’autocertificazione: in questo caso, la voce da barrare sarà quella 'altri motivi ammessi dalle vigenti normative ovvero dai predetti decreti, ordinanze e altri provvedimenti che definiscono le misure di prevenzione della diffusione del contagio'. Nelle righe successive va indicato l'indirizzo di partenza e quello di destinazione ma, per motivi di privacy, non il nome della persona che si va a visitare. Attenzione: il governo ha chiarito in una faq pubblicata sul sito di Palazzo Chigi che il rientro a casa "dopo essere andati a trovare amici o parenti deve sempre avvenire tra le 5.00 e le 22.00 (il 1° gennaio 2021 tra le 7.00 e le 22.00), ovvero entro le fasce orarie escluse dal coprifuoco, sia nei giorni “rossi” che in quelli “arancioni”. 

Negozi aperti e negozi chiusi in zona rossa

In zona rossa è dunque confermato il coprifuoco, ovvero il divieto di uscita dalle 22 alle 5. Unica eccezione è la notte tra il 31 dicembre e l’1 gennaio quando il divieto sarà prolungato fino alle 7. Ristoranti, bar e pasticcerie sono chiusi, ma resta consentito ordinare a domicilio o per l’asporto entro le 22 (a Bari, per effetto dell'ordinanza 'anti aperitivi' del sindaco Decaro, sono previste alcune restrizioni aggiuntive esposte più avanti). Alcuni negozi possono restare aperti: tra questi gli alimentari (ipermercati, supermercati, discount di alimentari, minimercati ed altri esercizi non specializzati di alimenti vari, surgelati). Restano aperte anche attività come le farmacie, negozi di computer ed elettronica di consumo, apparecchiature informatiche e per le telecomunicazioni. Nessuna chiusura per tabaccai, librerie ed edicole. Aperti anche i benzinai così come i barbieri e i parrucchieri. Ci si potrà recare presso altri negozi specializzati come quelli di abbigliamento per bambini, biancheria personale. Aperti anche i negozi che vendono prodotti per animali domestici e alimenti per animali domestici in esercizi specializzati o i negozi di ferramenta e quelli che vendono vernici e piastrelle.

Le ulteriori restrizioni a Bari

A Bari città alle disposizioni da zona rossa si somma l'ordinanza 'anti aperitivi' emanata dal sindaco Decaro, che nello specifico per i giorni delle vigilie (24 e 31 dicembre) prevede (come chiarito dalle Faq pubblicate sul sito del Comune di Bari): i servizi di ristorazione, chiusi al pubblico, potranno fare vendita da asporto fino alle ore 11; è consentita la vendita di prodotti di gastronomia con servizio a domicilio. Per vendita a domicilio si intende la vendita su prenotazione. I prodotti adeguatamente confezionati dovranno essere consegnati al di fuori dell'esercizio pubblico anche mediante un servizio di trasporto curato dallo stesso cliente; le attività di commercio al dettaglio per le quali è consentita l'apertura a livello nazionale (allegato 23 del Dpcm 3 dicembre) potranno restare aperte solo fino alle ore 13. Potranno invece restare aperte oltre le ore 13 le sole attività previste dall’ordinanza sindacale e cioè le farmacie, parafarmacie, punti vendita di presidi sanitari, di generi alimentari, di prodotti agricoli e florovivaistici, tabacchi ed edicole. I distributori automatici h24 dovranno chiudere alle ore 11.00. L'obbligo di chiusura alle 13 non si applica ai servizi alla persona ricompresi nell’Allegato 24 del DPCM del 3 dicembre (ovvero barbieri, parrucchieri, lavanderie).

Lo sport all'aperto e in forma individuale

Per quanto riguarda lo sport, nei giorni di zona rossa si potrà fare soltanto all’aperto, in forma individuale e senza la possibilità di uscire dal proprio comune. Nei giorni di zona rossa va ricordata in ogni caso la differenza applicata in questi casi tra attività motoria, che può essere fatta soltanto nei pressi della propria abitazione (con la mascherina), e l’attività sportiva che può essere fatta anche in zone diverse da quella della propria abitazione (senza mascherina). Restano dunque sospese le attività nei centri sportivi anche in forma individuale (come tennis o padel) così come le attività in palestra, piscina, terme e centri benessere. Anche per quanto riguarda sport e attività motoria valgono gli orari stabiliti dal Dpcm e si potrà dunque uscire soltanto dalle 5 alle 22.

I controlli mirati a Capodanno sugli spostamenti e le auto con più di due persone

Il Viminale, come ricorda ancora Today.it, ha disposto controlli mirati delle forze dell'ordine per la serata di Capodanno. Particolare attenzione sarà data agli spostamenti - secondo le disposizioni dell'ultimo Dpcm quelli non necessari sono vietati - e alla presenza di più di due persone a bordo nelle auto. Secondo le prime indiscrezioni raccolte, i controlli si concentreranno per verificare eventuali segnalazioni di riunioni in luoghi privati non autorizzati, attività di locali apparentemente chiusi ma aperti a feste private, in ville o in bed&breakfast affittati per l'occasione, nonché l'esplosione di fuochi d'artificio.

(foto: folla a Bari il 23 dicembre, prima della zona rossa di Natale)
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si torna in zona rossa: dagli spostamenti alle chiusure dei negozi, cosa cambia da oggi 31 dicembre

BariToday è in caricamento