Cottura dei cibi a vapore: benefici e vantaggi

La cottura a vapore fa bene alla nostra salute perchè mantiene intatti i sapori e conserva il contenuto di vitamine e minerali degli alimenti

©pixabay

In cucina è importante utilizzare cibi sani che fanno bene alla nostra salute e questo dipende anche da come vengono cucinati. b​La cottura al vapore è probabilmente una tra le più salutari oltre che ecologica ed economica. La ereditiamo dall’Oriente, tipica della cucina cinese e giapponese, ed è oggi utilizzata anche da noi per cucinare verdure, pesci, carni bianche ed alcuni tipi di paste ripiene come i ravioli.

Perchè fa bene? La cottura a vapore ha il grande pregio di mantenere le proprietà organolettiche dei cibi, indicata per la salute visto che le sostanze degli alimenti, sali minerali e vitamine, non vengono disperse.
Consente anche di poter risparmiare a livello economico perchè si possono diversi cibi in contemporanea, impilando diversi cestelli fra loro. Vediamo come realizzare questo tipo di cottura.

Tipi di cottura al vapore

Cottura a pressione

È un tipo di cottura che combina gli effetti del vapore con quelli della pressione. In queste condizioni gli alimenti cuociono a temperatura più elevata di 100 °C (l’ebollizione dell’acqua), in quanto l’aumento della pressione interna dei recipienti ermetici ritarda la produzione del vapore, che si forma tra i 112 e i 125 °C. In questo modo, la cottura dei cibi è più rapida e si riducono i tempi anche di 2/3. Oltre che più veloce, la cottura sotto pressione mantiene, ovviamente, tutti i vantaggi della normale cottura a vapore, come la conservazione integrale della frazione salina e vitaminica degli alimenti, la mancanza di grassi di condimento aggiunti e il mantenimento della forma e della consistenza originaria del prodotto. L’unico svantaggio gastronomico di questo tipo di cottura è legato alla temperatura di regime, più alta del normale, che può stressare leggermente i cibi, togliendo sapore o intenerendo i tessuti. La cottura a vapore sotto pressione si può eseguire sia a livello domestico con la normale pentola a pressione, sia nella ristorazione professionale, utilizzando speciali forni a vapore, dotati di pressione controllata.

Cestello a vapore

Il modo più semplice di cuocere a vapore è quello di utilizzare una pentola normale, sul cui fondo si porta a ebollizione un po’ d’acqua. All’interno si inseriscono un cestello o un colapasta di metallo nei quali si dispongono gli alimenti da cuocere.

Cottura al microonde

Con il forno a microonde è possibile cuocere a vapore carne, pesce e verdure. L’unica condizione per cucinare a vapore nel microonde è quella di armarsi di un apposito contenitore di plastica. Il contenitore in questione dovrà essere compatibile con la cottura in microonde e dotato di scomparto atto a minimizzare il contatto tra gli alimenti da cuocere a vapore nel microonde e l’acqua di cottura. I dispositivi che consentono la cottura a vapore nel microonde sono formati da una pentola in plastica, un cestello forato e un coperchio. Le dimensioni e la forma sono adatte al microonde.

Per cucinare a vapore nel microonde basta mettere una tazza d’acqua nella base della pentola, aggiungere gli alimenti da cucinare nel cestello e coprire con l’apposito coperchio.

Al momento dell’acquisto assicuratevi che i componenti siano prodotti con materiale adatto ai cibi e soprattutto adatti alla cottura a microonde e resistenti fino alla temperatura di 200°C. Le vaporiere da microonde possono anche essere lavate in lavastoviglie o poste in frigorifero o nel freezer.

La cottura a vapore nel microonde è molto rapida: i tempi di cottura per le patate sono di circa 8 minuti a una potenza di 700 watt, è possibile ridurre la potenza e il tempo di cottura affettando le patate e le verdure a listelli più sottili.

Per la cottura a vapore in microonde non bisogna fare altro che aggiungere qualche cm di acqua nella base, riempire il cestello con le verdure o il pesce da cuocere, coprire con l’apposito coperchio e riporre nel microonde.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico scontro auto-moto tra Locorotondo e Martina, muore giovane coppia: lasciano un bimbo di dieci mesi

  • Coronavirus, in Puglia obbligo di quarantena per chi rientra da Malta, Grecia e Spagna

  • Coronavirus, salgono i nuovi contagi in Puglia: oggi sono 26, undici in provincia di Bari

  • Sei turisti del Lussemburgo in vacanza a Monopoli positivi al covid: il test prima di partire per la Puglia

  • Venti nuovi casi di covid in Puglia, nove nel Barese: "Cittadini rientrati da Grecia, Malta e Lombardia"

  • Lotta al coronavirus, in Puglia torna obbligo mascherine in luoghi aperti affollati e discoteche

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento