Giovedì, 21 Ottobre 2021
Alimentazione

Jackfruit, il mega frutto al sapore di porchetta: proprietà e benefici

Conosciuto in Italia come Giaco, questo frutto ha un aspetto poco invitante ma il sapore è unico tanto da poter essere sostituito con la carne

Ha un gusto delicato a metà tra una mela e un'ananas e se viene cotto sa di carne, precisamente di porchetta. Di cosa parliamo? Oggi parliamo di un alimento che, a detta di molti, sostituirà la carne, un frutto che ha origini lontane ma che possiamo trovare anche nei nostri mercati da qualche tempo a questa parte, il Giaco, quello che gli inglesi chiamano il Jackfruit.

Il suo nome scientifico è Artocarpusheterophyllus ed è un frutto simbolo del Bangladesh ma è apprezzato e diffuso in tutto il Nord-Est Asiatico. Qui infatti lo chiamano Kathal.

Caratteristiche

Il Giaco è particolare per la sua forma, simile ad un cocomero allungato con una corteccia spessa, ruvida e piena di bernoccoli, e le sue dimensioni, tanto che rappresenta il frutto più grande che conosciamo sulla Terra e arriva a pesare anche una cinquantina di chili e la sua polpa color giallo-arancio.

Ancora più particolare è il suo gusto: è molto apprezzato perchè il suo sapore è delicato, un po' ibrido, ma se viene cucinato somiglia a quello della porchetta. Potrebbe per questo motivo sostituire senza ombra di dubbio la carne e questo sarebbe un grande vantaggio per gli amanti del vegetariano e vegano.

Proprietà

E' un supefood ricco di vitamine, potassio con un forte potere energizzante. Inoltre questo frutto comporta una serie di benefici alla pelle e alla salute. Ecco nel dettaglio:

  • ricco di vitamina C, vitamina A fa bene alla pelle e ai capelli;
  • è antiossidante e contrasta i radicali liberi;
  • utile nei processi di guarigione delle malattie a carattere virale;
  • presenza di vitamina B (B1 e B6) ed altri minerali come manganese, ferro, magnesio, potassio e calcio;
  • viene definito energizzante naturale grazie agli zuccheri presenti (fruttosio saccarosio);
  •  dai suo frutti maturi se ne può ricavare una farina;
  • i semi invece devono essere consumati cotti;
  • dal giaco bisogna estrarre la parte carnosa ed eliminare buccia e sottobuccia
  • i semi sono ricchi di proteine ed è per questo motivo che c'è chi lo ritiene un possibile sostituto della carne e dei derivati animali (diete vegetariane, vegane);
  • i suoi petali possono essere mangiati sia cotti che crudi e cucinati in diverso modo come la carne (stufati, arrostiti, al forno, bolliti).

Il consumo di prodotti che sostituiscono la carne è in netto aumento e questo frutto, come il tofu, pare abbia tutte le carte in regole per essere consumato con regolarità nelle nostre diete. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Jackfruit, il mega frutto al sapore di porchetta: proprietà e benefici

BariToday è in caricamento