Sabato, 24 Luglio 2021
Cura della persona

Acqua micellare, l'ideale per struccarsi: come usarla sulla pelle

Aiutano a struccarti e a rimuovere tutte le impurità. Scopri di cosa si tratta

©Foto di Sora Shimazaki da Pexels

Avete mai sentito parlare delle acque micellari? Le donne sanno sicuramente di cosa si tratta.

Le acque micellari sono un prodotto della cosmesi, possono considerarsi delle lozioni molto delicate capaci di rimuovere il sebo in eccesso, le tracce di trucco e lo sporco senza alterare il film idrolipidico della pelle, che invece resta idratata e non “tira”. E' un prodotto che svolge la funzione sia di latte detergente sia di tonico.

Si chiamano micellari perchè contengono micelle, delle molecole che assumono l’aspetto di microsfere invisibili. Questi agglomerati, che sono costituiti da un polo idrosolubile e uno liposolubile, sono in grado di riconoscere la parte più untuosa della pelle e di catturare le impurità, che vengono rimosse molto facilmente, senza intaccare la pellicola protettiva della cute. L’acqua micellare è indicata per tutti i tipi di pelle: quelle secche o sensibili non subiscono ulteriori danneggiamenti, mentre quelle grasse e impure vengono “neutralizzate” e non continuano a produrre sebo in eccesso.

Chi invece preferisce comunque perseverare col proprio metodo di strucco, dalle salviettine alle mousse, ai gel a risciacquo, può sostituire il tonico con l’acqua micellare che, a differenza del primo, non contiene alcol e non sgrassa troppo la pelle.

Affinchè abbiano maggiore effetto sulla pelle le acque micellari non vanno risciacquate, come indicato sui flaconi della maggior parte dei prodotti. Tuttavia se si avverte che la pelle tira, soprattutto nelle pelli più sensibili  allora occorre farlo a causa della presenza di una quantità minima di tensioattivi inglobati nelle micelle che potrebbero dare questa sensazione.

Consigli su come prendersi cura della propria pelle

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Acqua micellare, l'ideale per struccarsi: come usarla sulla pelle

BariToday è in caricamento