rotate-mobile
Salute

"Il ritocchino di bellezza" ai genitali, sempre più uomini lo richiedono: "A volte non ne hanno bisogno''

La Società Italiana di Andrologia (SIA), nel recente congresso a Bergamo, ha fatto il punto sulle metodiche di ringiovanimento per migliorare l’aspetto esteriore dell’intimità maschile con procedure non chirurgiche e mini-invasive

Si chiama sesso forte ma ciò non vuol dire che non abbia anche le sue debolezze: così molti uomini ogni anno sentono l'esigenza di ritoccare le parti intime per colmare un senso di insoddisfazione o disagio, per il passare dell’età. Come si legge su Today.it "Su 100mila uomini che ogni anno si rivolgono all’andrologo dal 7 al 10 per cento delle volte, i pazienti ci chiedono interventi per migliorare l'aspetto esteriore della propria intimità", afferma Alessandro Palmieri, presidente SIA e docente di Urologia all’università Federico II di Napoli. "Quello che ci chiedono, oltre ad aumentare le dimensioni sono anche ritocchi rivolti a cancellare i segni del tempo che avanza". "E' la nuova frontiera della “sindrome da spogliatoio", sottolinea l’esperto, "che cambia e prende piede di pari passo l’andrologia estetica, una nuova branca della medicina e della chirurgia estetica che si occupa del miglioramento del benessere e della salute psicofisica dell'uomo. E la soddisfazione per l'aspetto esteriore dei propri genitali è a tutti gli effetti importante per il miglioramento del benessere maschile”.

L'articolo completo su Today.it

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Il ritocchino di bellezza" ai genitali, sempre più uomini lo richiedono: "A volte non ne hanno bisogno''

BariToday è in caricamento