Problemi di sinusite? Come riconoscerla e come curarla

Viene spesso confusa con altre patologie dai sintomi simili come raffreddore o rinite ma, si tratta invece di un disturbo piuttosto specifico: come riconoscere la sinusite e quali i possibili rimedi

ll naso chiuso è un sintomo piuttosto fastidioso e potrebbe manifestarsi non solo nella stagione invernale in seguito a raffreddore o influenza. Se questa sensazione persiste per lunghi periodi, forse, chiamarlo semplicemente raffreddore potrebbe essere riduttivo. Può infatti accadere che i germi responsabili di questo disturbo si annidino nei seni nasali e paranasali, infiammandoli e dando origine alla sinusite.

La sinusite è un processo infiammatorio delle cavità paranasali, spesso conseguente all’infiammazione della mucosa nasale. Ma come si manifesta? La mucosa infiammandosi aumenta il proprio volume, determinando così un restringimento degli osti di comunicazione tra seni paranasali e cavità nasali. Questo dà origine ad un ristagno del muco all'interno dei seni, che diventa un luogo ideale per la crescita di batteri giunti dalle cavità nasali o dalla cavità orofaringea.

Forme di sinusite

La sinusite può presentarsi in diverse forme:

  • acuta, se persiste per un periodo massimo di 2-3 settimane;
  • cronica, se i sintomi si protraggono per periodi più lunghi (anche alcuni mesi);
  • ricorrente, se lo stesso paziente accusa durante l'anno più di 3 recidive.

Sintomi

In genere i sintomi della sinusite sono cefalea, febbre, rinorrea con muco verde-giallastro, tosse grassa, mal di denti. Soprattutto nella fase acuta, il disturbo si manifesta con mal di testa, secrezioni e a volte anche con l'influenza. Nei casi più gravi è necessario rivolgersi al medico per la prescrizione di una cura risolutiva.

Diagnosi

Un'accurata anamnesi aiuta sicuramente a formulare la diagnosi. Di solito, l'esame radiologico viene eseguito solamente in casi in cui si sospettano complicazioni, dove la manifestazione non è tipica o quando il paziente non reagisce alla terapia sintomatica. Anche l'endoscopia nasale con fibre ottiche permette di confermare la diagnosi, oltre ad evidenziare eventuali fattori interni predisponenti alla sinusite.

Terapia

La terapia si basa sull'utilizzo di antibiotici, antinfiammatori e cortisone per i casi più gravi; antistaminici, decongestionanti nasali, terapia aerosolica con farmaci, lavaggi nasali con soluzioni idrosaline e spray ad uso topico. L'uso dell'antibiotico deve essere valutato con attenzione, è necessario quindi consultare il proprio medico di fiducia per valutarne la prescrizione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Positivo al Coronavirus, viola la quarantena ed esce per fare la spesa: barese beccato dai carabinieri

  • Come proteggersi dal contagio del ''Coronavirus'': le mascherine, i disinfettanti e le abitudini igieniche

  • Tragedia a Bari: scende per ritirare la frutta, cade a terra e muore. "La versione dell'infarto non convince i figli"

  • Party di compleanno per i 18 anni nonostante i divieti coronavirus: in casa arriva la Polizia, scattano multe salatissime

  • Incendio all'alba in un ristorante a Bitritto, fiamme distruggono il 'Ranch'

  • Altri 91 tamponi positivi al Coronavirus in Puglia, è record di decessi: 4 solo nel Barese

Torna su
BariToday è in caricamento