Giovedì, 29 Luglio 2021

Arancini

Queste gustosissime palline di riso fritte nascono dalla convinzione che buttare il cibo non sia un buon metodo da applicare con gli avanzi. Tra l’altro “l’avanzo” consisteva in un buonissimo riso al pomodoro. Vediamo insieme come riutilizzare il risotto che ci resta in pentola.

INGREDIENTI:
Risotto o 500gr di riso carnaroli
Formaggio grattugiato
Mozzarella o altri formaggi filanti
3 tuorli più altre uova intere per l’impanatura
Pangrattato
Olio di semi per friggere

PREPARAZIONE:

Se avete del risotto classico avanzante lo facciamo raffreddare prima così sarà più semplice lavorarlo.
Se volete far degli arancini ma non avete risotto già pronto, ne prepariamo uno in pochissimo tempo. Le scelte sono due: o prepariamo un risotto alla milanese (con lo zafferano) nella classica maniera oppure facciamo cuocere i 500gr di riso carnaroli in circa 1.2 litri di acqua salata. In cottura il riso assorbirà tutta l’acqua e nella pentola avremo del riso molto appiccicoso a causa di tutto l’amido trattenuto. Mescoliamo questo riso, e anche il risotto avanzato, con tre tuorli sbattuti con un cucchiaino di zafferano o curcuma per dar colore. Mantechiamo questo riso o risotto con mozzarella tagliata molto sottile, meglio se grattugiata e formaggio grattugiato. Ci starebbe bene anche un po’ di pepe.

Formiamo le classiche palline di riso e le impaniamo per bene, ripetendo per due volte il procedimento, prima nel pan grattato, poi nell’uovo e poi di nuovo pan grattato. L’impanatura deve sigillare il ripieno.

Friggiamo in olio caldo e serviamo tiepidi.

CONSIGLI:
Questa è la ricetta base per un arancino al “telefono”. Se vogliamo possiamo anche arricchirli preparandoli con un succulento ripieno di ragù e piselli o di prosciutto e funghi o come si preferisce.

Si parla di
BariToday è in caricamento