Stella di Natale, la pianta simbolo delle festività natalizie: come prendersi cura una volta ricevuta in dono

E' la pianta per eccellenza, l'emblema del periodo natalizio da regalare ad amici e parenti come simbolo del Natale e da tenere in casa anche come addobbo: ecco alcuni segreti per farla durare a lungo

E' la pianta per eccellenza, l'emblema del periodo natalizio da regalare ad amici e parenti come simbolo del Natale e da tenere in casa anche come addobbo: stiamo parlando della Stella di Natale. Chiamata anche Euphorbia pulcherrima è per eccellenza la pianta simbolo delle festività natalizie. Ideale per donare alla nostra casa la giusta atmosfera di festa, grazie alle sue foglie colorate che ricordano una stella circondate da piccoli fiori gialli, queste piante vengono molto spesso regalate durante il Natale e possono essere di svariati colori, dalle più classiche rosse, fino ad arrivare a colori come il rosa e il giallo. Avete capito bene, le famose “stelle” che noi spesso scambiamo per i fiori, in realtà sono le foglie della pianta che assumono il colore rosso durante la stagione invernale. Il suo fiore, invece, si chiama ciazo, ed è una piccola gemma priva di petali, che si presenta in mezzo alle foglie.

Origini

La Stella di Natale è una pianta originaria del Messico. Se lasciata crescere in natura, quest'ultima tende a svilupparsi come un piccolo alberello alto un paio di metri. Il suo nome ha origini molto antiche e una tradizione radicata, a partire da fine Ottocento, infatti, questa pianta veniva solitamente donata come regalo di benvenuto dalle autorità locali agli ambasciatori statunitensi che si recavano in America. Successivamente venne collegata al Natale per il caratteristico colore rosso delle sue foglie. 

Come curare una Stella di Natale?

La Stella di Natale in natura vive in luoghi collinari o montuosi, caratterizzati da un clima temperato e senza forti sbalzi di temperatura. Per questo motivo, se vogliamo curare nel modo giusto questa pianta, la prima cosa da sapere è che non sopporta temperature inferiori ai 12-15°C, di conseguenza, durante l’inverno va tenuta in casa, in una stanza luminosa, arieggiata e non eccessivamente riscaldata, lontano da fonti di calore e correnti d’aria. Ecco alcuni consigli utili per mantenere bella e sana la vostra Stella di Natale.

No all'aria secca

Se l’aria di casa è molto secca e asciutta è un problema per la Stella di Natale, come per qualsiasi altra pianta da interno. Munitevi di un umidificatore d’aria a freddo, e mettete la vostra Stella nelle vicinanze.

Innaffiatura

Questa pianta deve essere innaffiata regolarmente, ma senza esagerazione. Un consiglio è quello di aspettare sempre che la terra sia perfettamente asciutta tra un'innaffiatura e l’altra. Infine, svuotate sempre il sottovaso perché patisce i ristagni d’acqua.

Esposizione alla luce

La luce è ben accetta, ma solo per poche ore al giorno. La quantità di luce e di buio a cui deve essere esposta la pianta è di fondamentale importanza per la sua sopravvivenza. La Stella di Natale, infatti, ha la particolare necessità di avere anche bisogno di molte ore di buio durante la stagione invernale. Queste ultime devono essere almeno 12 ore al giorno.

Posizione

Prima e durante la fioritura, le Stelle di Natale non gradiscono essere esposte direttamente alla luce e al calore solare o artificiale, ma preferiscono una posizione che dia loro soltanto un minimo di luce durante il giorno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Orchidee: i consigli utili su come coltivarle, innaffiarle e farle fiorire

  • Calcare su rubinetti e piastrelle: le soluzioni efficaci per un bagno sempre pulito

  • La veranda: come ricavare una stanza in più quando le dimensioni della casa sono ridotte

  • Terrazzo impermeabile e resistente: come rinnovare il pavimento senza rimuovere quello vecchio

  • Capi morbidi e profumati con l'asciugatrice: i vantaggi e i consumi per chi l'acquista

  • Acquisto casa, cosa tenere in considerazione

Torna su
BariToday è in caricamento