Espresso: come scegliere la macchina da caffè

Il caffè ci dona il buon risveglio mattutino. La scelta della macchina per un buon espresso dipende da diverse funzioni e caratteristiche. Qualche informazione utile sui modelli disponibili

Il caffè è alla base della colazione italiana e per molti di noi non esiste un risveglio senza un buon caffè fatto in casa. La classica caffettiera è però stata sosituita dalle macchine per il caffè la cui scelta è davvero soggettiva ed è fatta in base alle abitudini personali e alle preferenze sull'aroma dell’espresso. Sul mercato si trovano macchine a cialde e a capsule, ma anche quelle manuali e i modelli automatici. Ecco per voi una piccola guida sui modelli e sui funzionamenti.

Le macchine per il caffè manuali - Sono così denominate perché impongono di triturare il caffè direttamente a mano, l’operazione viene eseguita mediante delle manovelle ad hoc. In seguito, l’espresso può essere preparato in modo semi-automatico o in modo automatico, a seconda delle circostanze. I modelli di questo tipo, oltre a conservare un certo fascino vintage sono consigliati ai veri appassionati di questo settore.

Le macchine a capsule - Possono essere considerate le più semplici da utilizzare e si contraddistinguono per un rapporto qualità prezzo più che conveniente. La manutenzione è alquanto facile, anche dal punto di vista della pulizia, ma nell’analisi dei pro e dei contro c’è da tenere conto del costo delle capsule, che può essere abbastanza alto. Un altro potenziale difetto delle macchine a capsule va individuato nella consistente quantità di rifiuti che esse producono.

Le macchine a cialde  - In questo caso la convenienza economica è un punto di forza che non può essere sottovalutato. Esse si basano sulla polvere di caffè, la quale è contenuta all’interno delle cialde. Gli scarti che vengono generati non sono molti, ma queste macchine si dimostrano difficili dal punto di vista della pulizia, e richiedono una certa quantità di tempo. 

Raccolta differenziata delle capsule  - Pur non essendo riciclabili nella loro interezza, le capsule già utilizzate possono tuttavia essere differenziate se si dividono le parti che la compongono. Una volta separati e sciacquati l’involucro in plastica dalla copertura in alluminio, è sufficiente gettare ognuno nei contenitori della raccolta differenziata di metallo e plastica (anche se in molte città si raccolgono negli stessi contenitori), mentre il caffè va inserito nella raccolta dell’umido, oppure può essere utilizzato come concime per le piante.

Ricaricare le capsule - Un’altra opzione per risparmiare sul costo delle capsule è quella di ricaricarle manualmente, riducendo inoltre l’impatto ambientale della plastica usa e getta di cui sono composte. Il procedimento è semplice, una volta che la capsula è stata utilizzata, bisogna aprire e rimuovere la parte superiore in alluminio con l’utilizzo di una forbicina, e in seguito svuotare l’involucro (in plastica o alluminio), lavarlo accuratamente e lasciarlo asciugare. Una volta asciutta la capsula va riempita fino all’orlo con il caffè in polvere e ricoperta con un quadratino di carta alluminio, avendo cura di farla aderire bene fino ai bordi. A questo punto non serve altro che inserirla nuovamente nella vostra macchina per il caffè.

Le macchine per il caffè automatiche - Infine, nel novero delle proposte che si possono trovare sul mercato spiccano le macchine per il caffè automatiche, che trovano nella grande comodità la loro caratteristica più importante, tutto quello che bisogna fare è caricare i chicchi di caffè, per poi mettere in azione il dispositivo. Chi lo desidera ha la possibilità di dare vita a miscele personalizzate o ad aromi speciali; vanno valutati, però, i costi, che non sono sempre alla portata di tutte le tasche.

Gli aspetti da considerare - Il primo aspetto a cui pensare è, ovviamente, la qualità del caffè, che varia a seconda della pressione dell’acqua, la cui unità di misura è il bar. Per un espresso molto intenso la pressione deve oscillare tra i 15 e i 19 bar, mentre con un apparecchio che opera tra i 12 e i 15 bar si possono ottenere comunque risultati piacevoli.

Le funzioni aggiuntive - Esplorando le caratteristiche delle diverse macchinette in vendita ci si può rendere conto della disponibilità di un gran numero di funzioni aggiuntive. Di che cosa si tratta? Per esempio della possibilità di preparare la cioccolata calda, il tè o il cappuccino, ma anche del timer o del livello di macinatura del caffè.

Dove acquistare capsule e cialde a Bari, alcuni riferimenti:

Tanti Caffé - Caffé in Capsule e Cialde  Via Stefano Jacini, 7

Asso Caffè - Grani Cialde Capsule Compatibili Via Vittorio Veneto, 7

101CAFFE' Corso Giuseppe Mazzini, 98 

La Bottega Delle Cialde Via Giulio Petroni, 43/B

Saicaf Spa Via Giovanni Amendola, 152F

Boutique Nespresso Bari Via Sparano da Bari, 154

ECCO LA MIGLIORE MACCHINA DA CAFFE'

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Aiuto millepiedi in casa! Come tenerli lontani con poche e semplici mosse

  • Riscaldamento, a Bari termosifoni accesi dal 15 novembre

  • Cambio di stagione non ti temo! Come organizzare al meglio gli spazi nell'armadio

  • Dispensa invasa dagli insetti? Ecco i rimedi per fare pulizia

  • Pulizia termosifoni prima della stagione fredda: come avere un ambiente salubre e garantire un buon funzionamento

  • Caminetti a bioetanolo: soluzioni ecologiche a basso impatto energetico

Torna su
BariToday è in caricamento