Timo, Rosmarino, Basilico e Salvia: come coltivare le piante aromatiche sul tuo balcone

Tutti i consigli utili su come aver cura delle piante aromatiche durante la stagione estiva: ecco la guida che fa per te

Le piante aromatiche le usiamo spesso in cucina e possono essere tranquillamente coltivate sul balcone o meglio ancora in giardino.
Durante l'estate, quando le temperature diventano insopportabili e il caldo non lascia tregua le aromatiche annuali e perenni come il rosmarino, il basilico, il timo e la salvia richiedono cure particolari.

Innanzitutto devono essere annaffiate periodicamente ma attenzione, l'acqua non deve essere troppa altrimente si rischia di bruciarle. Un altro fattore da tenere a mente è l'esposizione: devono essere collocate alcune completamente al sole altre all'ombra.

Timo

Predilige il sole e dovete annaffiarla solo quando il terreno diventa secco. Occhio a non lasciare acqua nel sottovaso. Il timo va messo in un vaso di buone dimensioni il cui diametro deve essere almeno di 30 cm e mediamente prodondo. Se decidete di usare le sue foglie in cucina allora tagliate i rametti interi con una forbice. In questo modo l'aroma si conserverà del tutto e i vostri piatti risulteranno molto più profumati.

Rosmarino

Anche questa pianta deve essere collocata sempre al sole e ha bisogno dell'acqua ogni 8-10 giorni.Se l'acquistate occorre rinvasarla in un vaso di terracotta e prima di gettare del terreno al suo interno magari cercate di coprire il fondo con della argilla espansa: aiuterà a drenare l'acqua in eccesso.

Basilico

E' una pianta non sempre facile da tenere viva soprattutto nei periodi di grande caldo. Come fare? Dovete esporla sempre alla luce, annaffiarla quando vi accorgete che il suo terreno diventa secco. Sicuramente non predilige la siccità ma nenache la troppa acqua per cui annaffiatela poco e spesso. Ogni tanto tagliatele i fiori, in questo modo cresceranno foglie nuove e molto aromatiche.

Salvia

E' una pianta semplice da coltivare. Dovete esporla al sole e bagnarla solo quando serve: la salvia soffre i ristagni. Come per il basilico dovete cimarla con le mani aiutandovi con il pollice e l'indice e strappare le foglioline.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Come inserire il piumone nel copripiumino: la tecnica della pasta biscotto

  • Inquinamento in casa: quali sono le cause e come vivere in un ambiente sano

  • Spifferi in casa e dispersione di calore: i remedi economici per bloccare il freddo

  • Albero di Natale: tante ispirazioni per addobbarlo con stile

  • Realizzare la cabina armadio: le varie tipologie e i sistemi di illuminazione interna

  • Detersivi fatti in casa: risparmio e attenzione all'ambiente

Torna su
BariToday è in caricamento