rotate-mobile
Sicurezza

Come mandar via da casa quell'ostinato odore di pesce

I piatti di mare sono alla base della cucina barese ed è sempre un piacere cimentarsi con i buonissimi prodotti che offre il nostro Adriatico. Capita però di non riuscire a mandar via quell'ostinato odore di pesce dalle case. Ecco alcuni consigli pratici e veloci

I piatti di mare sono alla base della cucina barese ed è sempre un piacere cimentarsi con i buonissimi prodotti che offre il nostro Adriatico. Capita però di non riuscire a mandar via quell'ostinato odore di pesce dalle case: gamberoni, salmone triglie e così via...

Com'è buona la frittura di paranza che se mangiata al momento non ci lascia per nulla indisturbati ma finita la festa si deve fare i conti per qualche ora, o più, con quell'odore persistente che si appiccica persino agli indumenti.

Ma perchè durante la cottura viene sprigionato quell'odore di pesce così poco gradevole? 

Se il pesce non è fresco, rilascia un odore molto forte e tutt’altro che piacevole. Al contrario, in genere il pesce fresco, rilascia poco odore. Altra causa è il metodo di cottura: una frittura o un guazzetto sono più 'profumati' e rilasciano più odore nell’aria di un pesce al cartoccio.

Tuttavia se l'odore del pesce vi è entrato così tanto nelle narici da non poterlo più sopportare allora fate così:

  • Assicuratevi che le finestre di casa siano spalancate;
  • Pulite bene la vostra cucina e il piano cottura con acqua aceto e limone;
  • Buttate l'immondizia contenente gli scarti del pesce appena mangiato;
  • Fate bollire un po’ di acqua ed aceto nella stanza oppure acqua e olio di lavanda o di limone e di alloro.
  • Cucinate al forno un buon dolce o biscotti da latte, vedrete subito che il nuovo aroma si diffonderà in tutta la casa coprendo quello precedente.
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Come mandar via da casa quell'ostinato odore di pesce

BariToday è in caricamento