Cronaca

"Denaro e regali per pilotare le indagini sul clan Di Cosola": chieste 4 condanne, tra loro un carabiniere

Le accuse per gli imputati, a vario titolo, sono di concorso esterno in associazione mafiosa, corruzione in atti giudiziari e rivelazione di segreto d'ufficio con l'aggravante mafiosa

La Procura di Bari ha chiesto quattro condanne a pene comprese tra i 14 e i 6 anni di reclusione nei confronti di altrettanti imputati. Tra loro c'è anche un carabiniere che all’epoca dei fatti contestati era in servizio a Giovinazzo. L'inchiesta dei Carabinieri è coordinata dai Pm della Dda Federico Perone Capano e Domenico Minardi. Secondo gli investigatori il militare assieme a un altro collega (a processo separatamente dinanzi al Tribunale ordinario) avrebbero ricevuto denaro, 400mila euro in totale, e regali per pilotare, ritardare o rivelare particolari di indagini sul clan mafioso Di Cosola, fornendo in alcune occasioni copia di verbali dei collaboratori di giustizia.

Le accuse per gli imputati, a vario titolo, sono di concorso esterno in associazione mafiosa, corruzione in atti giudiziari e rivelazione del segreto d’ufficio con l’aggravante mafiosa. I fatti contestati risalgono agli anni 2012-2018. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Denaro e regali per pilotare le indagini sul clan Di Cosola": chieste 4 condanne, tra loro un carabiniere

BariToday è in caricamento