Domenica, 1 Agosto 2021
Cronaca San Girolamo - Fesca

Abbandono nella Pineta San Francesco, Petruzzelli: “Il Comune garantisca la sicurezza”

Nei bagni trovati preservativi e lamette di rasoio. Il candidato sindaco del Pd: "E' ora di affidare i locali interni a persone che vogliono impegnarsi a valorizzare la Pineta"

Rappresenta il polmone verde più grande della città. Centinaia di persone ogni giorno la frequentano, in particolare amanti del footing a tutti i livelli: atleti, ma anche ragazzi e signore di mezza età. Un posto per correre, insomma, ma dove la gente fatica ad incontrarsi. Siamo nella Pineta di San Francesco dove le condizioni della struttura sono precarie, in alcuni casi fatiscenti. E’ il caso dei bagni, dove è possibile trovare di tutto: preservativi, lamette di rasoio e rifiuti di ogni genere. Vandali hanno fatto irruzione e rubato la rubinetteria di alcuni lavandini. Attorno al vecchio locale adibito a bar campeggiano scritte di ogni tipo. Nella Pineta sono state installate alcune torrette contenenti cavi elettrici. Una di queste è stata divelta e subito recintata per evitare incidenti

Vengo a correre tre volte a settimana e devo dire che nonostante gli sforzi dell’Amiu la situazione è sempre quella –racconta Domenico L., 40 anni – All’ora del tramonto la Pineta di diventa un posto infrequentabile, servirebbe un servizio di sicurezza efficiente”. Nei giorni scorsi alcuni residenti hanno visto entrare un gruppo di ragazzi che, a bordo dei loro scooter, hanno iniziato a sfrecciare per tutto il nel parco. Sul caso è intervenuto Pietro Petruzzelli, consigliere comunale del Pd nonché candidato sindaco: “La Pineta San Francesco è attraversata da diversi problemi, in primis quello della mancanza di una guardiania specifica che possa garantire la sorveglianza della struttura per almeno tutto l’orario di apertura”.

“A ciò si aggiunge - prosegue Petruzzelli – il nodo relativo ai pagamenti della cooperativa incaricata di pulire i bagni, mi risulta infatti che gli addetti non percepiscano stipendio da oltre 6 mesi”.

Le idee per valorizzarla non mancano. Residenti e assidui frequentatori chiedono di non abbandonare la struttura anche per il suo valore storico. “Occorre stimolare l’intelligenza e la creatività dei tanti baresi che vogliono impegnarsi nella riqualificazione dei spazi urbani -commenta Petruzzelli –. Pensiamo al locale prima adibito a pizzeria: il Comune potrebbe affidarlo ad un gruppo di persone che vogliono avviare una idea imprenditoriale o sociale”. Una idea simile a quella di Torre Quetta, oramai divenuto uno dei punti di maggiore ritrovo dei baresi che amano trascorrere la serata vicino al mare. “Sempre nella Pineta ci sono una serie di piccoli locali che potrebbero essere affidati ad associazioni che, a loro volta, potrebbero impegnarsi per valorizzazione di tutto lo spazio verde - conclude Petruzzelli –. Le idee non mancano e la Pineta non può più essere terreno di contesa per bande di ragazzini”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Abbandono nella Pineta San Francesco, Petruzzelli: “Il Comune garantisca la sicurezza”

BariToday è in caricamento