Lotta all'abbandono dei rifiuti sulle provinciali: nuove fototrappole per quattro Comuni

Venti dispositivi consegnati dalla Città metropolitana alle amministrazioni di Gioia, Rutigliano, Sammichele e Toritto per stanare chi abbandona spazzatura e ingombranti lungo le strade

Foto di repertorio

Non si ferma la lotta all'abbandono selvaggio dei rifiuti lungo le strade provinciali. Un fenomeno, quello delle tante discariche a cielo aperto che disseminano le arterie stradali del Barese, che, soprattutto d'estate, si presenta agli occhi anche dei tanti turisti che le percorrono.

Occhi elettronici ad alta tecnologia

La Città metropolitana ha consegnato ieri venti nuove fototrappole ai Comuni di Gioia del Colle, Rutigliano, Sammichele di Bari e Toritto. Dispositivi ad alta tecnologia che si attivano con i sensori del movimento e sono predisposte per la ripresa notturna, e  che sono stati acquistati dall'ente e saranno gestiti in autonomia dai Comuni e dalle Polizie locali che hanno aderito al Protocollo d’Intesa. I nuovi 'occhi elettronici' vanno ad aggiungersi alle cinquanta apparecchiature già consegnate ai Comuni di Acquaviva delle Fonti, Adelfia, Altamura, Bitritto, Gravina in Puglia, Locorotondo, Mola di Bari, Molfetta, Polignano a Mare, Triggiano e Turi.

"Lavorare in sinergia per proteggere il territorio"

“Il nostro obiettivo è proteggere il territorio bellissimo in cui abbiamo la fortuna di vivere - ha spiegato il sindaco metropolitano, Antonio Decaro -. È inconcepibile vedere rifiuti abbandonati lungo le nostre strade provinciali che, soprattutto d’estate, vengono attraversate da turisti di tutto il mondo. Per questo, nel tempo, abbiamo capito che, dove i Comuni non ce la fanno da soli, la Città metropolitana interviene per supportare le attività dei sindaci e delle polizie locali. Da sempre abbiamo cercato di lavorare in maniera sinergica sforzandoci di prenderci cura delle nostre strade, anche andando al di là dei confini dei singoli. A questo servono le fototrappole consegnate oggi ad altri quattro Comuni, che si aggiungono agli undici che hanno già ricevuto i dispositivi, per cercare di coprire il più possibile tutto il territorio interessato. Questo lavoro è reso possibile anche grazie all'impegno della Polizia metropolitana e di tutti gli agenti delle polizie locali che ci stanno seguendo in questa battaglia contro tanti incivili o, peggio ancora, aziende che, per non pagare i costi di smaltimento, abbandonano i rifiuti per strada o nell'agro, mettendo a rischio anche la salute dei cittadini, quando si applicano addirittura fuochi”. “Per combattere il degrado derivante dall’abbandono dei rifiuti è ormai necessario ricorrere a strumentazioni in grado di videosorvegliare le zone aggredite dal fenomeno - ha aggiunto il comandante della Polizia Metropolitana, Maria Centrone -. La Città Metropolitana di Bari ha avviato una strategia di lotta al fenomeno che ha già portato risultati molto soddisfacenti. Stiamo potenziando la dotazione di strumentazione e, a breve, saranno installati altri sei nuovi apparati di videosorveglianza che saranno mimetizzati tra i muretti a secco e i rifiuti stessi”.

I primi risultati: sanzioni e procedimenti penali

Negli ultimi quattro mesi, grazie all’installazione di 15 fototrappole sulle strade provinciali e in siti degradati, la Polizia metropolitana ha elevato 37 verbali amministrativi per i quali ha applicato il  primo comma dell’art. 255 del Testo unico Ambientale, che  dispone una sanzione amministrativa pecuniaria da 300 a 3.000 mila euro per chi viola il divieto di abbandono, ed ha avviato 3 procedimenti penali per i casi in cui i rifiuti abbandonati sono stati prodotti da imprese poiché, in questa ipotesi, l’illecito diventa penale. Nell’ambito di uno di questi procedimenti penali la ditta sanzionata, proveniente da un Comune metropolitano, ha provveduto a ripristinare l’area della strada provinciale Sammichele-Turi dalla montagna di pneumatici abbandonati; in un altro caso la Procura di Bari ha disposto il sequestro di una betoniera, utilizzata per scaricare in una piazzola residui di un carico di materiale trasportato. Inoltre, per il contenzioso derivante dagli illeciti amministrativi elevati sinora di competenza della Città metropolitana di Bari, l’Ente ha ricevuto, sempre nei primi mesi dell’anno, altri 142 verbali di cui 50 elevati dalle Polizie Locali di Bari, Gioia del Colle, Acquaviva delle Fonti, Altamura, Noicattaro, Mola di Bari, Bitonto e Modugno, grazie proprio alle telecamere installate.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Puglia resta 'zona arancione', la decisione del ministro Speranza: misure confermate

  • Dagli spostamenti tra regioni ai cenoni (vietati), il nuovo Dpcm e le misure al vaglio per Natale

  • Asfalto viscido per la pioggia, auto si ribalta e finisce fuori strada: muore 19enne

  • Folle inseguimento a 120 km/h per le strade di Carbonara: arrestato pregiudicato 33enne

  • Calano le occupazioni delle terapie intensive covid in Puglia: migliora anche il trend dei contagi sui tamponi eseguiti

  • Spostamenti ingiustificati fuori Comune, cibi e bevande consumati nei pressi di bar e locali: controlli anticovid e multe nel Barese 

Torna su
BariToday è in caricamento