menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Accademia delle Belle Arti, futuro incerto: "No al trasferimento in provincia"

Il direttore, Sylos Labini, rigetta l'ipotesi di un trasferimento a Conversano o in altre località dell'Area metropolitana: "Sarebbe la fine. No ad accorpamenti. Vogliamo una nuova sede". Il giallo del presunto 'sgombero' ad aprile 2016

"Spostarci in provincia? Siamo assolutamente contrari a questa prospettiva. L'Accademia delle Belle Arti deve rimanere a Bari". E' lo stesso direttore, Giuseppe Sylos Labini, a stoppare le voci, circolate nei giorni scorsi, sul suo futuro, attualmente abbastanza incerto a causa di una sede, quelle di via Re David, in fitto e bisognosa di un restyling. L'incontro tra il sindaco metropolitano Decaro e il sottosegretario all'Istruzione, Angela D'Onghia, svoltosi la scorsa settimana, aveva individuato la necessità di aprire un tavolo di confronto per stabilire le responsabilità della gestione. Il problema principale è la mancanza di tempo: il contratto di affitto, secondo alcuni, scadrebbe ad ottobre 2016 e già ad aprile l'Accademia potrebbe essere costretta a traslocare. Secondo Sylos Labini, invece, la situazione sarebbe diversa: "I proprietari hanno detto che il contratto scade nel 2027. Questa sede, in ogni caso,non è sufficiente. Non possiamo neppure prevedere la durata dei lavori. E' assurdo, inoltre, pensare di poter togliere questa istituzione alla città di Bari. Tra il capoluogo e la sede di Mola abbiamo circa 800 studenti, un numero in crescita anche rispetto alle altre accademie pugliesi di Lecce e Foggia".

Le ipotesi ventilate per un trasferimento, potrebbero riguardare Giovinazzo, Bitonto e Conversano: "Ciò - prosegue Sylos Labini - significherebbe ridimensionare l'Ente, creando grossi disagi agli studenti. Noi ci opporremo con tutte le forze anche ad eventuali accorpamenti e in Consiglio d'Istituto credo verrà ribadito il no al trasferimento. La nostra è una delle migliori accademie d'Italia". La soluzione potrebbe essere (quasi) dietro l'angolo, o quanto meno nello stesso quartiere: "Vi sono numerosi immobili sfitti - spiega Sylos Labini. UN altro, ad esempio, da liberarsi a breve, è in via Amendola, ovvero la ex sede Ipai, grande circa 6mila metri quadri. Ci vogliono però le risorse, nonostante un paio di piani siano stati recentemente ristrutturati".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento