Venerdì, 24 Settembre 2021
Cronaca

Procedure di assunzione e consulenze in AqP, il M5S presenta esposto in Procura: "Si faccia chiarezza"

La consigliera regionale Laricchia: "Alle due maxi interrogazioni al presidente Emiliano non sono seguite risposte soddisfacenti. Abbiamo mantenuto la promessa"

Il Movimento 5 Stelle Puglia ha depositato un esposto alla Procura di Bari sulle procedure di assunzione e le consulenze, da loro definite "inopportune" in Acquedotto Pugliese. In una nota, la consigliera regionale pentastellata, Antonella Laricchia, spiega le ragioni dell'esposto: “Abbiamo mantenuto la promessa e dopo le due maxi interrogazioni indirizzate al Presidente Emiliano, a cui non sono seguite risposte soddisfacenti, abbiamo ufficialmente depositato la documentazione in Procura. I nostri stessi rilievi erano stati effettuati dal Collegio dei Sindaci con due verbali - aggiunge - e abbiamo anche segnalato alla Procura le risposte laconiche del Presidente De Sanctis e del Presidente Emiliano. Avevamo suggerito al Governatore l’azione di responsabilità sociale per tutelare le risorse dei pugliesi e il futuro del Servizio Idrico Integrato, suggerimento a cui purtroppo è seguita, per tutta risposta, la nomina a Direttore Generale del Presidente di Acquedotto Pugliese e dunque il suo tanto atteso aumento di stipendio. Sappiamo bene - incalza la pentastellata - che si tratta della “conditio sine qua non” per portare a termine il disegno della multiutility del sud, con il coinvolgimento dei privati, tanto utile ad Emiliano per le sue alleanze territoriali".

Il Movimento: "Aqp è a un bivio"

Per Laricchia, l'Acquedotto è al bivio tra totale ripubblicizzazione e privatizzazione: “Emiliano  prosegue in direzione ostinata e contraria" rispetto, spiega il M5S, alla volontà dei pugliesi che nel 2011 votarono per l'acqua pubblica al referendum, "convinto forse di poter nascondere le sue responsabilità dal momento che la privatizzazione si può realizzare in tanti modi immediatamente o gradualmente. Il M5S ha fatto il massimo - conclude - e continuerà a difendere questo prezioso diritto dei pugliesi ma ha trovato un muro di gomma con cui sta facendo i conti. Siamo convinti che a questo punto solo l’intervento della magistratura possa aiutare i pugliesi.”

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Procedure di assunzione e consulenze in AqP, il M5S presenta esposto in Procura: "Si faccia chiarezza"

BariToday è in caricamento