Giovedì, 13 Maggio 2021
Cronaca

Pedinamenti e microspie in casa per controllare l'ex moglie: 46enne arrestato per stalking

Il caso ad Adelfia: dopo la separazione, l'uomo ha perseguitato la vittima per mesi, arrivando ad installare microspie nell'abitazione della donna per controllarne i movimenti

Non aveva accettato la separazione, e così aveva cominciato a perseguitare l'ex moglie: mesi di pedinamenti, telefonate, messaggi, fino alle microspie piazzate in casa per controllare la donna.

La vicenda ad Adelfia, dove i carabinieri hanno arrestato un 46enne incensurato del posto, ritenuto responsabile di atti persecutori ed interferenze illecite nella vita privata nei confronti della ex moglie, una donna di 38 anni.

Tra novembre e marzo di quest’anno, l'uomo ha perseguitato la vittima con telefonate e messaggi su whatsapp, appostandosi vicino casa, pedinandola ed aggredendola sul posto di lavoro. E' arrivato anche ad introdursi nell’abitazione, in assenza della donna, per danneggiarle vestiti ed ostruirne la serratura della porta d’ingresso. Poi, per controllarne i movimenti, ha installato nella camera da pranzo e in cucina, ad insaputa della vittima, due microspie dotate di sim a lui intestate.

Dopo l'arresto l'uomo è stato collocato ai domiciliari.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pedinamenti e microspie in casa per controllare l'ex moglie: 46enne arrestato per stalking

BariToday è in caricamento