menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Adisu, Link contro la riorganizzazione: "Gravi danni per gli studenti"

L'associazione studentesca contro il piano varato dal presidente Cataldo: "Riordino che svuota di funzioni le sedi territoriali, togliendo punti di riferimento degli studenti"

Studenti preoccupati per la riorganizzazione dell'Adisu. In una nota, l'associazione studentesca Link fa riferimento alle possibili ripercussioni negative della 'riforma' voluta dal presidente Alessandro Cataldo. "Questo riordino svuota le Sedi Territoriali delle proprie funzioni?, trasferendole all’interno di un unico settore a livello regionale?, con il compito di gestire l’erogazione dei benefici e servizi strettamente inerenti il diritto allo studio". "Crediamo che questo accentramento possa avere delle gravi ripercussioni sugli studenti?, che sarebbero privati di un punto di riferimento fondamentale sul territorio, provocando un contraccolpo sull’efficienza dei servizi garantiti ?­ dichiara Sara Ingrosso, rappresentante di Link in CdA A.Di.S.U. ­ Infatti, se oggi il decentramento permette a qualsiasi studente di poter rappresentare un problema presso la propria sede territoriale, ricevendo da essa una risposta celere, l’organizzazione accentrata a livello regionale danneggerebbe il contatto dell’ente con il territorio e con gli studenti che lo vivono”. 

"Inoltre - prosegue la nota - negli ultimi anni l’ente ha avviato un percorso di coordinamento e collaborazione con gli uffici di ciascun Ateneo sul territorio?, che ha permesso, da un lato, di svolgere tutte le operazioni concernenti i rimborsi in maniera più efficace, dall’altro di avviare una programmazione comune su servizi ed interventi volti al sostegno del diritto allo studio universitario. Proprio per questo motivo oggi il Consiglio degli Studenti dell’Università del Salento ?ha approvato all’unanimità una mozione con la quale esprime numerose criticità in merito al nuovo assetto organizzativo delineato dal Decreto e invita il Consiglio di Amministrazione A.Di.S.U. Puglia a non adottarlo. Infine, constatiamo ancora una volta come questa discussione non sia stata condivisa con le parti interessate, poiché questo atto di riordino è stato oggetto di Decreto d’urgenza e non è stato avviato alcun un percorso di confronto con gli studenti né si è attesa la riunione del Consiglio di Amministrazione A.Di.S.U., oramai rinominato".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento