Martedì, 15 Giugno 2021
Cronaca

Pesca: via al fermo biologico in Adriatico fino al 30 settembre

Da Trieste a Bari blocco delle attività di pesca fino alla fine di settembre. L'avvertimento di ImpresaPesca Coldiretti per i consumatori: "Attenzione ai prodotti importati dall'estero"

Stop alle attività di pesca dal primo agosto al 30 settembre nell'Adriatico. Da Trieste a Bari le flotte resteranno in porto per i prossimi due mesi per via del fermo biologico, imposto per permettere il ripopolamento del mare. Le attività riprenderanno a partire dal primo ottobre, quando scatterà invece il divieto di pesca per lo Ionio e il Tirreno.

La ripresa sarà tuttavia graduale, in quanto per le otto settimane successive al 30 settembre il fermo resterà in vigore per i weekend (dal venerdì alla domenica) e i festivi, più un ulteriore giorno a scelta degli armatori.

"Se il fermo è una necessità per salvare il settore, con il venir meno del pesce dell’Adriatico che rappresenta la metà della produzione nazionale, per cittadini e turisti è alto - sostiene Impresapesca Coldiretti - il rischio di ritrovarsi nel piatto, soprattutto al ristorante, prodotto straniero congelato, assieme a quello fresco Made in Italy proveniente dal Tirreno, dallo Ionio e dalle Isole. Dal pangasio del Mekong, venduto come cernia, al polpo del Vietnam spacciato per nostrano ai gamberetti del Mozambico e i cinesi, ma anche l’halibut atlantico al posto delle sogliole". Una buona ragione, sottolineano dall'associazione, per estendere l'obbligo dell'etichetta d'origine, già obbligatoria per i prodotti acquistati in pescheria, anche ai menu dei ristoranti.

Altro possibile risvolto negativo per i consumatori, l'aumento dei prezzi. Con il fermo delle  delle marinerie dell'Adriatico i prodotti dovranno necessariamente essere trasportati dall'latro versante dello stivale, con un conseguente aumento dei costi sostenuti dai venditori, che con molto probabilità si tradurrà in aumento dei prezzi per il consumatore finale.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pesca: via al fermo biologico in Adriatico fino al 30 settembre

BariToday è in caricamento