Cronaca

Aeroporti di Puglia, segnali di ripresa: più passeggeri a Bari e Brindisi

Lieve rialzo per lo scalo del capoluogo (+0,2%). Incremento evidente per quello messapico (+4,3). Dalla primavera ci si attende un aumento del traffico grazie alle nuove destinazioni italiane ed europee

Piccoli segnali di ripresa per il traffico aereo negli aeroporti pugliesi: nel primo bimestre di quest'anno, i passeggeri in arrivo e in partenza transitati negli scali di Bari e Brindisi sono stati 689.013, l’1,6% in più rispetto allo stesso periodo 2013.  L'aeroporto del Salento ha ottenuto un buon incremento con un complessivi 246.412, il 4,3% in più rispetto al consuntivo 2013. Meno accentuata la ripresa per il “Karol Wojtyla” di Bari, dove il totale dei transiti nei primi due mesi è stato di 442.601 unità, con un incremento dello 0,2% rispetto allo stesso periodo 2013 (441.912 passeggeri).

AdP mostra soddifazione per il risultato generale "poiché conferma quell’inversione di tendenza, già registrata negli ultimi mesi dello scorso anno, che il dato di gennaio aveva rimarcato. Dall’ormai prossimo avvio della stagione estiva - prosegue una nota - che vede ai nastri di partenza nuovi collegamenti nazionali ed internazionali (Firenze, Roma, Dublino, Amsterdam, Basilea, Creta, solo per citarne alcuni), è auspicabile che venga un ulteriore impulso alla crescita di flussi da/verso la Puglia, che per un verso favoriscano il consolidamento del buon avvio dell’anno e dall’altro creino le premesse per un incremento del traffico passeggeri.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aeroporti di Puglia, segnali di ripresa: più passeggeri a Bari e Brindisi

BariToday è in caricamento