rotate-mobile
Domenica, 28 Novembre 2021
Cronaca Poggiofranco / Via Camillo Rosalba

Poggiofranco, nasce il villaggio della solidarietà Agebeo: "Una casa per i bimbi affetti da leucemia"

Domani la posa della prima pietra del progetto messo a punto dalla Onlus fondata a Bari su un'area confiscata alle mafie. Otto unità abitative immerse in un parco per ospitare famiglie e piccoli in attesa di ricovero. Il sogno è vederla realizzata in 2-3 anni ma serve 1 milione di euro

La prima pietra per dotare la città di Bari di un centro per le famiglie con bambini affetti da leucemia: domattina si svolgerà, in un terreno di Poggiofranco, la cerimonia che avvierà ufficialmente il cantiere del Villaggio della Solidarietà' realizzato da 'Agebeo e Amici di Vincenzo Onlus', l'associazione a sostegno di genitori e dei loro bambini colpiti da patologie emato-oncologiche. Il progetto prevede otto unità abitative realizzate in materiale di ultima generazione, perfettamente autonome e capaci di ospitare cinque persone, immerse in un'area giardino di 8mila metri quadri, con giochi per i più piccoli.

Il villaggio, inoltre, sarà anche dotato di un'altra casa adibita alla riabilitazione psicologica e pediatrica. ma anche a sala ludica. Infine verrà realizzata anche un'unità-ufficio e accoglienza. Pannelli solari forniranno l'energia elettrica e vi sarà inoltre anche un impianto per il riutilizzo delle acque piovane. L'iniziativa sorgerà su un campo confiscato ai clan, adiacente all'Istituto Oncologico: "Potremo ospitare - spiega il presidente di 'Agebeo e Amici di Vincenzo Onlus', Michele Farina - bambini in attesa di ricovero provenienti da tutto il Sud Italia e dall'Est Europa, come facciamo già normalmente da sette anni in un appartamento anch'esso confiscato alla Mafia". Il sogno è aprire il villaggio in due-tre anni ma serve circa 1 milione di euro. 'Agebeo e amici di Vincenzo Onlus, in questo senso, avvierà una raccolta fondi attraverso campagne natalizie e 'l'acquisto' di un mattoncino della nuova sede, possibile già da domani.

L'associazione, nata nel 1990, ha aumentato notevolmente le proprie attività dal 2003, quando ha cambiato la sua denominazione aggiungendo 'Amici di Vincenzo', in memoria del figlio di Michele Farina, deceduto a giugno 2003 per un male incurabile. Dal 2008, invece, grazie alla disponibilità dell'appartamento confiscato, sono state ospitate circa 300 famiglie dalle regioni del Sud ma anche da Nordafrica e Balcani. Il villaggio sarà un punto di riferimento in funzione anche delle novità che attendono il Policlinico nel 2016: "A breve - spiega Farina - verrà inaugurato il centro trapianti leucemie e tumori del sangue nel reparto di Pediatria oncologica. Vogliamo aiutare i genitori e i piccoli che verranno a Bari per curarsi, fornendo supporto nelle esigenze quotidiane, sostenendoli giorno dopo giorno". Un impegno quotidiano reso possibile dal lavoro di numerosi volontari: "Ne cerchiamo altri - afferma Farina - proprio per aumentare il sostegno e l'assistenza nel territorio. E' possibile candidarsi sul nostro sito www.agebeo.it ".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Poggiofranco, nasce il villaggio della solidarietà Agebeo: "Una casa per i bimbi affetti da leucemia"

BariToday è in caricamento