Antifascisti aggrediti dopo manifestazione al Libertà, il Comune parte civile nel processo contro attivisti Casapound

L'episodio avvenne settembre 2018: "Il Comune di Bari - si legge in una nota di Palazzo di Città - ha deliberato di richiedere l'ammissione della civica amministrazione come parte civile nel processo al fine di vedersi riconosciuto il risarcimento dei danni subiti dall’ente"

Il Comune di Bari si costituirà parte civile nel processo, a carico di 33 attivisti di Casapound, sull'aggressione, a pochi passi dalla sede quartiere Libertà, ai danni di un gruppo di antifascisti di ritorno da una manifestazione il 21 settembre 2018.

Gli imputati sono accusati di aver partecipato a pubbliche riunioni, compiendo manifestazioni usuali del disciolto partito fascista, ed in particolare di aver attuato il metodo squadrista come strumento di partecipazione politica, e di aver causato lesioni, in esecuzione di un medesimo disegno criminoso giustificato dalla ideologia fascista, in concorso tra loro, con armi - sfollagente, manubri da palestra, manganello telescopico, cintura dei pantaloni usati per offendere - e con premeditazione, avendo organizzato l'aggressione in periodo precedente alla manifestazione con raccolta di armi e organizzazione di uomini.  Alcuni degli imputati sono accusati anche di aver usato violenza e minaccia, in concorso tra loro, nei confronti di pubblici ufficiali per impedire lo svolgimento del servizio di ordine pubblico 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Il Comune di Bari - si legge in una nota di Palazzo di Città - ha deliberato di richiedere l'ammissione della civica amministrazione come parte civile nel processo al fine di vedersi riconosciuto il risarcimento dei danni subiti dall’ente in conseguenza e per effetto dei reati ascritti agli imputati. È infatti volontà della pubblica amministrazione essere presente nel processo penale per riaffermare i valori fondativi dello Statuto del Comune di Bari, che promuove l'affermazione dei diritti umani, la cultura della pace, della cooperazione internazionale e valorizza le diverse realtà etniche, linguistiche, culturali, religiose e politiche presenti nella città rifacendosi ai valori della solidarietà e dell'accoglienza, coerentemente con la sua vocazione di città aperta".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Stop a palestre, cinema, teatri e piscine, ristoranti chiusi alle 18: il nuovo dpcm in arrivo già in serata?

  • Covid, Emiliano chiude tutte le scuole in Puglia: da venerdì 30 ottobre stop alla didattica in presenza

  • Incidente mortale nella notte a Japigia: 20enne sbalzato dalla moto muore sul colpo

  • Le mani della criminalità organizzata sul settore agroalimentare in Puglia: 48 arresti

  • Da lunedì stop alla didattica in presenza per gli ultimi 3 anni delle superiori, Emiliano: "Rallentiamo i contagi covid"

  • "Servono misure severe ovunque in Italia": anche Emiliano segue la 'via De Luca' e non esclude il lockdown

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento