"C'è una bomba nella stazione Ferrotramviaria", ma è un falso allarme: allerta rientrata dopo le verifiche

A far scattare le misure di sicurezza era stata una segnalazione telefonica, ma gli accertamenti di artificieri e Polfer hanno dato esito negativo. Circolazione dei treni bloccata per alcune ore e poi ripristinata

E' stata una chiamata anonima a far scattare nel primo pomeriggio l'allarme bomba (poi rivelatosi falso) nella stazione Ferrotramviaria di Bari. Il protocollo di sicurezza è stato attivato in seguito a un telefonata arrivata nella sede centrale della società a Roma, che annunciava la presenza di un ordigno nella stazione. Immediato l'intervento sul posto degli artificieri e gli accertamenti della Polfer, che hanno poi dato esito negativo: in particolare, gli artificieri hanno fatto brillare una borsa trovata sotto una panchina, che, come poi accertato, conteneva indumenti.

La circolazione ferroviaria (sospesa sia per i treni Ferrotramviaria che per Ferrovie Appulo Lucane) è stata ripristinata, come annuncia la stessa Ferrotramviaria in un messaggio sulla propria pagina Fb, poco dopo le 18.30.

Oltre allo scalo di Ferrotramviaria, sono stati evacuati anche gli uffici della società.  La zona era stata transennata e sovergliata anche  l'ausilio di pattuglie di carabinieri e Polizia locale.

*Ultimo aggiornamento 18.35

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il van di Borghese sbarca a Bari: lo chef premia il miglior ristorante di crudo di mare

  • "Qui il crudo di mare è una vera favola", Alessandro Borghese e la sfida di '4 Ristoranti' a Bari: il migliore? E' a Santo Spirito

  • Arriva il freddo russo, temperature in picchiata anche in Puglia: rischio neve a quote basse

  • Nuovo Dpcm in arrivo: ecco regole e restrizioni, cosa cambia dal 16 gennaio. Puglia verso l'arancione

  • Un'altra stretta con il nuovo decreto anti Covid: Puglia verso la zona arancione?

  • Coronavirus, a Bari oltre 3mila casi accertati: l'area San Girolamo-Fesca-Stanic-San Paolo è la più colpita

Torna su
BariToday è in caricamento