Cronaca

Amtab, Fal, Ferrotramviaria: nasce il biglietto unico per treni e bus

I viaggiatori potranno acquistare un unico ticket per utilizzare i mezzi delle tre società. Obiettivo: "facilitare la vita degli utenti" evitando code e attese alle biglietterie per ogni diverso mezzo di trasporto da utilizzare

Raggiungere l'aeroporto di Bari arrivando in treno dalla Basilicata, oppure utilizzare i bus pubblici baresi dopo aver raggiunto la città viaggiando con i mezzi Ferrotramviaria. Tutto con un unico biglietto, senza la necessità di doversi procurare ogni volta un nuovo ticket. Un notevole risparmio di tempo che da oggi sarà possibile, grazie all'accordo 'Unique ticketing' - biglietto unico tra Amtab, Ferrovie Appulo Lucane e Ferrovie del Nord Barese - realizzato nell'ambito del progetto europeo ETCP Greece – Italy 2007 – 2013 “Gift 2.0”.

I dettagli dell'iniziativa sono stati presentati questa mattina in conferenza stampa. Da oggi il biglietto si può acquistare nelle 110 biglietterie ferroviarie di Fal e Ferrotramviaria, comprese quelle automatiche (a breve anche online e dalle App delle aziende). Le tariffe restano quelle attualmente in vigore per le due linee ferroviarie, che peraltro tra loro danno già da 18 mesi la possibilità di acquistare il ‘biglietto unico’. Mentre l’eventuale tratta con Amtab che da oggi si può aggiungere al biglietto unico Fal/Ferrotramviaria costerà 1 euro se si sceglie il biglietto Amtab a tempo (valido 75 minuti) oppure 2, 20 euro se si sceglierà il biglietto Amtab valido per l’intera giornata.

"Con questo progetto – ha detto l’assessore regionale ai Trasporti Gianni Giannini – continuiamo a migliorare la qualità e la quantità dei servizi offerti agli utenti dal Trasporto Pubblico Locale Pugliese". "Grazie al continuo potenziamento del Trasporto Pubblico Locale stiamo concretizzando uno dei nostri obiettivi: mettere in rete le linee ferroviarie ed automobilistiche che operano nell’Area metropolitana di Bari, favorendo la mobilità intermodale dei cittadini, per decongestionare le aree urbane. Oggi, per esempio, chi viene da Matera o da Barletta, con un solo biglietto può circolare nella città di Bari e andare in aeroporto”.
 
Secondo il Sindaco della Città Metropolitana di Bari, Antonio De Caro, “Con il biglietto unico contribuiamo a migliorare la qualità della vita soprattutto dei pendolari che potranno guadagnare tempo chiedendo l’emissione di un solo biglietto per tutto il tragitto che devono compiere". Per il presidente dell’Amtab, Nicola Marzulli, "la possibilità di scegliere un biglietto unico è una forma di rispetto per il tempo dei cittadini. Presto saremo in grado di adeguare anche i software Amtab alla emissione dei biglietti, nell’ottica di rendere sempre più efficiente il nostro servizio e favorire quanto più possibile la scelta del trasporto pubblico intermodale".

Il presidente delle Fal, Matteo Colamussi, ha aggiunto: “La potenzialità di questo nuovo servizio è enorme: parliamo di 13 milioni di potenziali biglietti che potrebbero essere emessi in un anno sommando i nostri 4 milioni di ‘relazioni’/biglietti l’anno e i 7 di Ferrotramviaria. In 18 mesi di bigliettazione unica tra Fal e Ferrotramviaria sono stati emessi 40mila biglietti: oggi aggiungiamo anche Amtab e quindi tutta l’area metropolitana di Bari, contribuendo a facilitare la vita dei nostri utenti a cui chiediamo di fare anche loro uno sforzo: pagare il biglietto in modo da poterci consentire di continuare a migliorare i servizi. La sinergia di oggi tra un’azienda pubblica (Fal), una privata (Ferrotramviaria) ed una ex municipalizzata (Amtab) ci consente in questa prima fase di poter emettere biglietti unici solo dalle 110 biglietterie ferroviarie, sia automatiche sia presidiate di Fal e Ferrotramviaria, ma presto (servono i tempi tecnici per omologare i sistemi informatici e di riconoscimento dei titoli di viaggio) porterà alla possibilità di poter acquistare i biglietti anche online, dalle App e da Amtab”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Amtab, Fal, Ferrotramviaria: nasce il biglietto unico per treni e bus

BariToday è in caricamento