Anziana morta in casa di riposo dopo caduta dalle scale: otto persone rinviate a giudizio

Il gup del Tribunale di Bari ha chiesto il processo per ex dirigenti della Asl di Bari, personale sanitario e amministratori di una casa di riposo di Altamura, nel Barese: la pensionata 93enne, Maria Rosa Bernardo, morì nel 2015

Otto persone, tra cui ex dirigenti della Asl di Bari, personale sanitario e amministratori di una casa di riposo di Altamura, nel Barese, sono state rinviate a giudizio dal gup del Tribunale di Bari nell'ambito dell'inchiesta sulla morte di Maria Rosa Bernardo, 93enne deceduta  il 18 marzo 2015 dopo una caduta su una rampa di scale nella 'Residenza protetta Simone Calabrese'. 

Gli otto sono accusati di omicidio colposo: si tratta di Angelo Domenico Colasanto e Sebastiano Carbonara, rispettivamente ex direttore generale ed ex direttore dell’area gestione tecnica della Asl di Bari, l’infermiera Nica Vita Sirressi, l’operatore socio-sanitario Rocco Napoletano, entrambi in servizio nella casa di riposo provvisoriamente ospitata nella sede dell’ex ospedale Umberto I di Altamura, e gestita dalla cooperativa 'Con Noi Società Cooperativa Sociale'.Il gup di Bari Maria Teresa Romita ha rinviato a giudizio anche gli amministratori della società Nicola Giuseppe De Benedictis e i consiglieri Fedele Angelo Rafaela Natuzzi e Maria Teresa Picardi, e il responsabile della struttura Luigi Bitetti. Imputata anche la stessa società per la responsabilità amministrativa degli enti. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le indagini della Procura di Bari

Il processo comincerà il prossimo 26 novembre nella nuova sede del Tribunale di via Dioguardi, nel quartiere Poggiofranco di Bari. In base alle indagini della Procura, l'anziana, con problemi di deambulazione, non avrebbe visto le scale a causa delle luci non funzionanti, e sarebbe così caduta, riportando lesioni che ne avrebbero poi causato il decesso. Per la Procura, gli operatori imputati sono accusati di non aver vigilato sulla paziente mentre gli amministratori e responsabili della struttura non avrebbero fatto manutenzione tecnica agli impianti della struttura e, nonostante questo, i dirigenti Asl avrebbero autorizzato il trasferimento della casa di riposo nell’ex ospedale di Altamura in assenza di requisiti di sicurezza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' positivo al Covid ma va al lavoro al ristorante: scoperto 21enne, era in quarantena con l'intera famiglia

  • Il professor Lopalco ottimista sull'epidemia: "La prima ondata pandemica del covid-19 si è spenta"

  • Vieni a ballare in Puglia: verso la riapertura delle discoteche all'aperto

  • Riaprono le regioni, da domani via libera agli spostamenti: obbligo di segnalazione per chi arriva in Puglia

  • Coronavirus 'scomparso'? L'epidemiologo Lopalco: "Siamo in una fase di circolazione endemica, nessun terrorismo ma occorre attenzione"

  • Quattordici marittimi della Costa Crociere ricoverati per covid ad Acquaviva: "Tutti asintomatici"

Torna su
BariToday è in caricamento