Dallo spagnolo al polacco, il Piccinni restaurato 'strega' 6mila visitatori nel week-end di apertura

Tanti i commenti, anche i lingua straniera, lasciati sul libro a disposizione dei visitatori del teatro, aperto in via temporanea durante l'Epifania

"Finalmente un pezzo di storia torna a far godere il barese della bellezza di musica e spettacolo"; "Un vero gioiello". E non mancano commenti di turisti stranieri, ad esempio polacchi e spagnoli, nelle 68 pagine del libro dei visitatori. Tutti per descrivere l'emozione di un gioiello architettonico cittadino ormai quasi completamente restaurato, che per due giorni è tornato a mostrarsi al pubblico.

Parliamo del teatro Piccinni di Bari, aperto nel week-end dell'Epifania e subito preso d'assalto da una folla di migliaia di visitatori. "Dopo aver registrato un immediato sold-out - spiegano dal Comune - è stato infatti necessario aumentare in corsa il numero di accessi per gruppo per rispondere alle richieste online di ingresso nel teatro e permettere la visita a un numero di cittadini decisamente superiore rispetto al programma originario". Alla fine i numeri hanno superato nettamente le aspettative: all’uscita dell’ultimo turno, ieri sera alle 18.50, il bilancio degli accessi complessivi ha registrato il numero di 6.031 visitatori, divisi in 40 gruppi. E nonostante le tante richieste, non sono stati registrati ritardi o altri problemi di sorta nel comparto organizzativo, gestito dall’ufficio comunale Grandi eventi in collaborazione con personale IVOP, URP e PM e tecnici dell’Impresa.

VIDEO | Le note risuonano al Piccinni: il concerto di prova del duo jazz

Un risultato che naturalmente ha inorgoglito anche il sindaco di Bari, Antonio Decaro, confermato anche dagli oltre 2mila accessi alle video e audioguide raggiungibili con i qr code consegnati ai visitatori. "È stato un momento bellissimo - ricorda il sindaco -, lo si intuisce facilmente dai numerosi messaggi lasciati sul libro dei visitatori, che dimostrano la grande varietà di persone - per età e provenienza - che hanno visitato il teatro appassionandosi non solo alla bellezza del velario, dei fregi e degli spazi restaurati, ma anche alle vicende che lo hanno attraversato, rendendolo uno dei luoghi identitari più forti della città, la cui storia è indissolubilmente legata a quella di Bari e dei baresi. Ora dobbiamo procedere spediti con il completamento dei lavori del terzo e ultimo stralcio per tornare ad ospitare la prossima stagione della prosa comunale in quella che è la sua ‘casa’ naturale".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sotto trovate la scansione con tutti i commenti lasciati dai visitatori.

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piccioni su balconi e grondaie: i sistemi per allontanarli da casa

  • Regionali Puglia 2020, chiusi i seggi nella prima giornata di voto: corsa a otto per la presidenza

  • Chiude dopo più di 20 anni il Disney Store di via Sparano a Bari: a rischio 13 lavoratori, proclamato sciopero

  • Positiva al covid rompe la quarantena ed esce a fare la spesa: denunciata una donna nel Barese

  • Operatrice positiva al Covid, chiude asilo nido a Bari

  • A Bari vecchia 38 positivi al Covid e Decaro mette in guardia i residenti: "A breve confronto con i gestori dei locali"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento