menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Presunti appalti truccati al Petruzzelli, cinque arresti per corruzione

Ai domiciliari il direttore amministrativo della Fondazione, l'ex responsabile fonica e luci del teatro e tre imprenditori. Gli episodi contestati si riferiscono ai mesi di novembre e dicembre 2015

Scattano gli arresti nell'ambito di un'inchiesta della Procura di Bari sulla Fondazione Petruzzelli, relativa a presunti appalti truccati. Cinque in tutto le ordinanze di custodia cautelare emesse dal gip del Tribunale Gianluca Anglana.

Ai domiciliari, con l'accusa di corruzione, sono finiti il direttore amministrativo, Vito Longo, e tre imprenditori:  Giacomo Delle Noci, socio e gestore di Chiarissima soc. coop., Nicola Losito, amministratore della Suono Luce Service srl, e Vito Armenise, titolare della ditta individuale SCAV. Destinatario della quinta ordinanza di custodia cautelare Franco Mele, ex responsabile 'luci e fonica' del teatro e amministratore/gestore della Crescendo Sistemi s.r.l.,, resosi irreperibile fino a ieri sera e poi arrestato a Roma. I cinque sono indagati a piede libero per il reato di turbativa d'asta. L'indagine è coordinata dal pm Fabio Buquicchio, mentre l'ordinanza di arresto è stata disposta dal gip del Tribunale Gianluca Anglana.

Gli appalti finiti nel mirino della magistratura barese sarebbero almeno tre, relativi a contratti per la fornitura di luci e servizi di pulizia e facchinaggio, che sarebbero stati ottenuti in cambio di denaro e altre utilità. Le accuse si riferiscono ai mesi novembre e dicembre 2015. I cinque sono indagati a piede libero per il reato di turbativa d'asta. 

Intanto martedì mattina è cominciata l'udienza preliminare per il rinvio a giudizio dell'ex capo reparto tecnico luci e fonica del teatro, Franco Mele, 46 anni, accusato di abuso d'ufficio. Nel processo si è costituita parte civile la Fondazione Petruzzelli, che ha anche depositato in aula della documentazione relativa ad un'indagine interna avviata in precedenza. Secondo l'accusa, Mele avrebbe favorito l'assegnazione della fornitura delle luci di scena ad una società riconducibile alla sua famiglia.

LE DICHIARAZIONI DI EMILIANO E DECARO - "Ho appreso dell’avvenuta esecuzione di ordinanze cautelari nei confronti di dipendenti della Fondazione Petruzzelli, della quale fa parte la Regione Puglia. Auspico che le indagini della Magistratura facciano piena luce sui fatti contestati, restituendo regolarità di comportamenti a una delle più importanti istituzioni culturali della Puglia. La Regione Puglia è al fianco del presidente Carofiglio che già risulta essersi attivato in tal senso", ha commentato Emiliano. "Seguo con attenzione e preoccupazione - ha dichiarato il sindaco Decaro - l’evolversi dell’indagine giudiziaria che ha coinvolto la Fondazione Petruzzelli. Sono fiducioso che la Magistratura, alla quale qualche settimana fa, insieme al presidente della Fondazione Carofiglio, abbiamo consegnato la documentazione relativa ad una indagine interna, utile all’attività investigativa, faccia al più presto chiarezza sulle eventuali responsabilità delle persone coinvolte. Auspico che si possa così restituire serenità ad una delle istituzioni culturali più prestigiose del territorio, attualmente impegnata in un intenso lavoro di rilancio della propria immagine sul piano nazionale e internazionale".  
 

*Ultimo aggiornamento 13/01 ore 9.45

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento