menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Padre Zanotelli al Politecnico nel giorno del G7: "No a privatizzazione​ acqua"

Il missionario comboniano è intervenuto nel pomeriggio al dibattito "7? No, 7 miliardi!" organizzato da diverse associazioni umanitarie in concomitanza del summit

"I baresi non possono permettere che il servizio idrico in Puglia venda parzialmente ceduto ai privati". Padre Alex Zanotelli arriva persino a toccare la questione della privatizzazione del servizio attualmente gestito da Acquedotto pugliese nel suo discorso sul sistema delle disuguaglianze create dall'economia mondiale. Il missionario comboniano nel primo pomeriggio è stato ospite del convegno "7? No, 7 miliardi! Le persone prima del profitto: strade diverse per contrastare le disuguaglianze", organizzato in concomitanza del summit del G7 da diverse associazioni umanitarie, ambientali e solidali: Amnesty International, Banca Etica, Caritas, Cnca (Coordinamento nazionale comunità di accoglienza) Puglia, Emergency, Greenpeace e Fondazione Migrantes. 

"Scendete in piazza e protestate, perché l'acqua deve rimanere un bene pubblico e non si può creare un sistema di controllo da parte dei privati", ha spiegato Zanotelli. Una situazione che già il Movimento 5 stelle aveva denunciato lo scorso febbraio, spiegando che in caso di mancata trasformazione di Aqp in ente pubblico entro il 30 giugno del prossimo anno, l'Aip (Autorità idrica pugliesi) sarebbe costretta ad indire una gara pubblica per la gestione del servizio idrico, con la possibilità che a vincerla sia un'azienda privata.

Diversi poi gli altri temi toccati dal missionario nel suo discorso, tra cui il potere della camorra - da lui definito "il sistema" sul territorio campano. Una situazione che Zanotelli conosce bene, visto che al momento opera nel difficile quartiere Sanità di Napoli, dopo essere stato per anni attivo sul territorio africano, in particolare nelle baraccopoli di Nairobi. 

Al termine dell'intervento sono stati organizzati dei workshop tematici da parte delle associazioni, mentre a concludere il convegno sarà il sociologo Leonardo Palmisano, da anni attivo sul fronte dei diritti umani nel sud Italia e nel mondo, in particolare sulle piaghe della prostituzione e del caporalato.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Vendita e Affitto

Attico di lusso nel cuore di Bari: un sogno a due passi dal mare dove il fascino dell'antico si sposa all'eleganza del moderno

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento