menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Approvato il piano 'Sport e Periferie': sbloccati i fondi per il Bellavista e per lo 'Stadio del rugby'

Questa mattina la firma a Roma del progetto del Coni e del Ministero dello sport. A Bari 2 milioni per finanziare le opere a Japigia e Catino

La riqualificazione del campo Bellavista e la costruzione del nuovo 'Stadio del rugby' a Catino - di cui BariToday aveva già anticipato il progetto - sono da oggi un passo più vicine. Questa mattina sono state approvate dal ministro per lo Sport Luca Lotti - alla presenza del sindaco di Bari Antonio Decaro, di altri 30 tra sindaci e rappresentanti dei Comuni di tutta Italia - le convenzioni con il Coni. Il documento apre la strada alle risorse stanziate dal piano "Sport e Periferie", che per Bari significano circa 2 milioni di euro da reinvestire nelle due opere. 

La riqualificazione della struttura a Japigia

Il primo degli interventi riguarderà appunto l’impianto del quartiere di Japigia e si concentrerà sulla pista di atletica a 6 corsie, che occupa una superficie complessiva dedicata alle corsie di 4.303mq e una lunetta dedicata al salto in alto di circa 2.060, che sarà ammodernata, visto l'intenso uso negli ultimi anni. L’impianto ospita infatti la maggior parte delle gare regionali, ed è quindi occupato spesso dagli atleti di società sportive provenienti da ogni parte della Puglia. Al suo interno, inoltre, sono presenti spazi dotati di pedane per l'esercizio di diverse discipline di atletica. Con i finanzimenti del bando sarà sostituito integralmente il manto della pista di atletica secondo le tecniche più innovative utilizzate per impianti agonistici.

Il nuovo 'Stadio del rugby' a Catino  

Anche gli appassionati di rugby avranno finalmente una 'casa' per praticare il loro sport grazie al bando del Coni. Per l'occasione sarà riutilizzata una struttura mai completata nel quartiere Catino, che sorge in via Caravella. Originariamente doveva diventare un campo di calcio,ma i lavori sono rimasti incompleti: al momento è presente una recinzione e le basi della struttura che ospiterà i futuri spogliatoi.
 
L'idea dell'amministrazione è quindi quella di riqualificarlo e trasformarlo nel nuovo stadio del rugby e del football americano. L'intervento prevede la realizzazione di un campo in erba sintetica che sarà utilizzato dai giocatori delle due diverse discipline sportive e dell'area destinata al classico terzo tempo e agli spogliatoi.
 
“Combinare due temi apparentemente così distanti tra loro come sport e periferie credo sia un’idea vincente - commenta il sindaco Decaro -. Perché entrambi possiedono una fortissima tensione sociale che può sprigionarsi in energie positive se si mettono insieme. Il campo da gioco, di qualsiasi sport si tratti, è l’unico terreno dove non conta il colore della pelle ma quello della maglia, non conta come ti vesti ma come contribuisci al gioco di squadra. La pratica sportiva ci aiuta a trasmettere valori, regole di convivenza e crea contesti postivi dove l’aggregazione si trasforma in comunità".

Progetti futuri

Il Comune intende, come spiegato dallo stesso sindaco Decaro, partecipare anche al nuovo bando annunciato oggi e finanziato con altri 100 milioni di euro dal Ministero e dal Coni. L'obiettivo è proporre una riqualificazione del Palaflorio in vista dell’appuntamento con la tappa del girone dei mondiali di volley maschili che si giocheranno in Italia e in Bulgaria ad ottobre 2018. "Quest’impianto, oltre ad avere un grande valore sportivo, ospita numerosi eventi cittadini che registrano una grandissima partecipazione di pubblico" conclude il primo cittadino.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento