Cronaca Japigia / Via Tenente Cesare Suglia

Area giochi 'trasferita' da Japigia a Sant'Anna, polemiche nel Municipio I. M5S: "Scelta assurda"

La decisione di spostare nel nuovo rione le giostrine inizialmente destinate al parco di via Suglia accende le critiche. Il consigliere pentastellato Carelli: "I cittadini meritano rispetto". La presidente Paparella: "Così uno spazio ludico in ogni quartiere"

Il progetto del parco di via Suglia-Troisi

Le giostrine destinate al parco di via Suglia, a Japigia, 'trasferite' al quartiere Sant'Anna. La decisione ha ottenuto ieri il via libera del primo Municipio, ma non senza polemiche. A criticare la scelta è il Movimento 5 Stelle, che attraverso il consigliere municipale Italo Carelli definisce la decisione imbarazzante e scarsamente rispettosa degli stessi cittadini.

"Ieri - scrive Carelli in una nota - il governo di questa città ha messo il Consiglio del Municipio 1, nell’imbarazzo di dover scegliere tra bambini di due differenti quartieri.  Scelta difficile quella di negare delle giostrine a quei bambini che ogni giorno sono costretti ad assistere al triste spettacolo della prostituzione di strada. Quel mercimonio umiliante che abbiamo più volte denunciato all’opinione pubblica ed alle istituzioni, Prefetto compreso. Difficile, forse incomprensibile, la scelta del MoVimento Cinque Stelle di non offrire un ristoro alle famiglie di Sant’Anna. Cittadini che pur pagando tasse e contributi come tutti gli altri baresi, sono considerati di serie B". "Ci siamo chiesti - sottolinea Carelli - a cosa sarebbero servite delle giostrine fini a se stesse in un quartiere privo di strade degne di questo nome, privo dell’illuminazione pubblica indispensabile a poterne fruire nelle ore serali. Noi crediamo che gli abitanti di Sant’Anna abbiano diritto ad una programmazione puntuale delle opere nel loro quartiere". "Dietro questo trasferimento, che i cittadini di Via Suglia avrebbero forse anche accettato, si nasconde la volontà d’imporre, come al solito e con i soliti metodi, scelte “poco chiare”. Una variante incomprensibile al progetto di sistemazione del parco di via Suglia, che comunque graverà di ulteriori 19mila euro sul costo del progetto iniziale, tra l'altro sgradita ai residenti: la realizzazione di un campo di pallacanestro/pallavolo (in una zona già densa di impianti sportivi molto spesso inutilizzati!), al posto dell’originaria sistemazione a verde. Lavori che, tra l'altro, hanno subito, subiscono e subiranno le solite strategiche lentezze burocratiche di realizzazione a discapito del Parco PIRP i cui lavori viaggiano invece a gonfie vele (per ora?)". "Abbiamo votato - conclude - contro il “decisionismo”, a favore della centralità dei Cittadini nei processi decisionali che li riguardano, convinti che  sia i Cittadini di Sant’Anna che quelli di Japigia, meritino il rispetto  che la Giunta Decaro gli nega".

Difende invece la scelta la presidente del Municipio I, Micaela Paparella: "Il nostro obiettivo - spiega - è quello di consentire ai bambini di tutti i quartieri del Municipio di godere di almeno uno spazio ludico dove poter giocare e trascorrere il tempo libero in compagnia". "Nell’area centrale del giardino di via Suglia - ricorda inoltre - troveranno spazio un playground per basket e pallavolo e saranno tracciate le strisce di un campo da tennis".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Area giochi 'trasferita' da Japigia a Sant'Anna, polemiche nel Municipio I. M5S: "Scelta assurda"

BariToday è in caricamento