Venerdì, 30 Luglio 2021
Cronaca Libertà

Armi, palette e lampeggianti: sequestro dei carabinieri in un'officina del Libertà

Arrestato un dipendente 43enne, denunciato il titolare 72enne, entrambi incensurati. Le pistole erano nascoste in un armadietto dell'attività: una risulta rubata, l'altra introdotta clandestinamente in Italia

Armi clandestine, palette segnaletiche e lampeggianti mobili sono stati rinvenuti e sequestrati dai carabinieri in una officina meccanica del quartiere Libertà a Bari. In manette è finito un dipendente di 43 anni, accusato di ricettazione, mentre il titolare dell'attività, un 72enne, è stato denunciato per possesso di segni distintivi contraffatti.

I due sono anche ritenuti responsabili di detenzione abusiva di armi clandestine e munizioni. Entrambi sono incensurati. In un armadietto utilizzato dal 43ene, all'interno dell'officina, sono state trovate una Beretta calibro 9 risultata rubata nel 2002 a Putignano e una Deutsche Werke calibro 6.35, clandestinamente importata in territorio italiano.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Armi, palette e lampeggianti: sequestro dei carabinieri in un'officina del Libertà

BariToday è in caricamento