Lunedì, 2 Agosto 2021
Cronaca

San Paolo: nasconde pistola con colpo in canna in camera da letto, arrestato figlio del boss Telegrafo

In manette Donato Telegrafo, figlio di Nicola, ritenuto il capo dell'omonimo clan del San Paolo. Il giovane era irreperibile dai primi di settembre, periodo dell'agguato al boss Giuseppe Mercante

Forse si sentiva in pericolo, temeva un agguato. Forse per questo, subito dopo l'agguato al boss Giuseppe Mercante, avvenuto lo scorso 22 agosto al quartiere Libertà, si era reso irreperibile, nascondendosi in un'abitazione del quartiere San Paolo, dove custodiva, in camera da letto, una pistola con colpo in canna e diversi giubbotti antiproiettili. Ma scoperto dagli agenti delle Volanti, è finito in manette.

Si tratta del 25enne Donato Telegrafo, figlio di Nicola, ritenuto il capo dell'omonimo clan, che venne trovato cadavere nel carcere di Catanzaro nel 2004.

L'arma, una pistola calibro 7.65 con colpo in canna, e i giubbotti erano nascosti in un armadio della camera di letto. Donato Telegrafo dovrà rispondere di detenzione d'arma da fuoco clandestina, ricettazione e inosservanza agli obblighi della sorveglianza speciale.

 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

San Paolo: nasconde pistola con colpo in canna in camera da letto, arrestato figlio del boss Telegrafo

BariToday è in caricamento