Cronaca

Clan Strisciuglio, indagini 'Libertà': nove in manette per droga e mafia

Eseguite ordinanze della Procura Generale presso la Corte d'Appello: gli arrestati, a vario titolo, devono rispondere di associazione mafiosa e associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti

I carabinieri, su richiesta della Procura generale presso la Corte d'Appello di Bari, hanno eseguito 9 ordinanze di carcerazione ai danni di altrettanti presunti esponenti del clan Strisciuglio, condannati, a vario titolo per associazione mafiosa e associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti. Gli arresti sono giunti a distanza di 4 anni da altri 45 provvedimenti nell'ambito dell'indagine denominata 'Libertà'.

In manette sono finiti Lorenzo Fanizzi, 26 anni (condannato a 7 anni e 6 mesi per associazione mafiosa, Vito Vincotto, di 35, (7 anni e 7 mesi per associazione mafiosa), Simone Schingaro, di 48, (3 anni e 6 mesi per associazione mafiosa,  Antonio Raggi, di 56, (9 anni e 6 mesi per traffico di sostanze stupefacenti), Giuseppe Lavopa, di 31, (7 anni e 8 mesi, per traffico di sostanze stupefacenti), Spiridione Forziati, di 49, (7 anni e 7 mesi per traffico sostanze stupefacenti), Giovanni Gaudio, di 36, (7 anni e 6 mesi, per traffico sostanze stupefacenti), Alessandro Iacobbe, di 35, (7 anni, 5 mesi e 10 giorni, per traffico di sostanze stupefacenti) e Carmine Telegrafo, di 33, (4 anni e 6 mesi per traffico di sostanze stupefacenti).

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Clan Strisciuglio, indagini 'Libertà': nove in manette per droga e mafia

BariToday è in caricamento