Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Carabinieri nelle aree maggiormente a rischio: arresti, patenti ritirate, multe ai conducenti e genitori deferiti a Corato

Venti militari con unità cinofile dei Carabinieri di Modugno hanno pattugliato soprattutto le vie del centro storico e presidiato, con l’utilizzo di una 'Stazione Mobile', le aree ritenute maggiormente a rischio

 

Sono tre gli arresti e due i deferimenti in stato di libertà operati in quest’ultimo periodo dai Carabinieri della Stazione di Corato, supportati da militari della Compagnia di Trani, impegnati nell’esecuzione di servizi di controllo straordinario del territorio in città.

Venti militari con unità cinofile dei Carabinieri di Modugno hanno pattugliato soprattutto le vie del centro storico e presidiato, con l’utilizzo di una 'Stazione Mobile', le aree ritenute maggiormente a rischio.

Tre gli ordini di carcerazione per espiazione pene concorrenti eseguiti nei confronti di Z.D. 38enne, condannato ad anni 3 e mesi 2 per furto aggravato in concorso, lesioni personali e detenzione abusiva di armi, tradotto presso la Casa Circondariale di Trani; C.G. 36enne, condannato a mesi 4 di reclusione per rifiuto dell’accertamento dello stato di ebbrezza, tradotto presso la Casa Circondariale di Trani; D.T.G., condannato a mesi 2 di detenzione domiciliare per il reato di lesioni personali.

Due patenti ritirate per guida in stato di ebbrezza alcolica, 15 violazioni accertate per guida senza cintura di sicurezza e otto per l’uso del telefono cellulare alla guida del veicolo.

Tutte contestazioni, queste, operate al fine di ridurre la percentuale di incidentalità che negli ultimi tempi ha fatto riscontrare un innalzamento. Attenzione particolare è stata rivolta verso i giovani che frequentano i cosiddetti “corner 24” ove vengono erogati alimenti e bevande anche alcoliche.

A seguito di questi controlli, due genitori sono stati deferiti in stato di libertà per inosservanza dell’obbligo di istruzione elementare dei due figli minori, risultati assenti dalla scuola per più di tre mesi, senza giustificato motivo. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
BariToday è in caricamento