menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Doppio arresto per spaccio nel Barese, in manette anche un 19enne: "Droga nascosta nella cappa"

Operazione dei carabinieri ad Acquaviva delle Fonti e a Cassano delle Murge. Ai domiciliari anche un 47enne pregiudicato, che aveva tentato di sfuggire al controllo dei militari

Doppio arresto in poche ore per spaccio nel Barese da parte dei carabinieri: in manette mercoledì 31 gennaio e giovedì primo febbraio sono finite due persone che detenevano sostanze stupefacenti.

La prima operazione è avvenuta ad Acquaviva delle fonti. Un pregiudicato 47enne ha provato a eludere il controllo dei carabinieri fuggendo a bordo della sua bici elettrica. Ha anche tentato di disfarsi della droga che stava vendendo, ma è stato subito fermato dai militari, che hanno così sequestrato i due grammi di eroina, oltre alla somma di 240 euro suddivisa in banconote di piccolo taglio. 

Il secondo arresto è avvenuto invece nel pomeriggio di ieri a Cassano delle Murge. Un giovanissimo (19enne) era sotto osservazione dai militari, essendo più volte stato visto frequentare i luoghi occupati dai tossicodipendenti. E' così scattata la perquisizione nella sua abitazione, che ha permesso il sequestro di otto grammi di eroina e 15 grammi di cocaina, nascosti nella cappa del piano cottura, già suddivisa in dosi e pronta per essere immessa sul mercato, oltre al materiale necessario per il confezionamento e la somma di 55 euro. Entrambi gli arrestati sono ora ai domiciliari.
 
Il primo è avvenuto nel tardo pomeriggio dell’altro ieri,  quando un pregiudicato, 47enne del luogo, già noto alle Forze dell’Ordine, al fine di eludere un controllo da parte dei Carabinieri, si dava a precipitosa fuga a bordo di una bici elettrica, disfacendosi nella corsa di vari involucri, successivamente recuperati e risultati contenere complessivamente 2 grammi di eroina. Una volta raggiunto e bloccato dai militari, è stato sottoposto a controllo e trovato in possesso della somma di  €  240,00 (duecentoquaranta), suddivisa in banconote di  piccolo taglio, che è stata sequestrata poiché ritenuta provento dell’illecita attività di spaccio.
 
Nel pomeriggio di ieri, invece, è stato assicurato alla giustizia un 19enne residente a Cassano delle Murge (BA). Il giovane, visto più volte dai Carabinieri  intrattenersi nei luoghi frequentati da tossicodipendenti, è stato oggetto di alcuni servizi di osservazione che hanno portato i militari a procedere nei suoi confronti ad una perquisizione personale e locale, nel corso della quale sono stati rinvenuti, nella  sua abitazione, occultati nella cappa del piano cottura, , ritenuta il provento dell’illecita attività. Il tutto è stato sottoposto a sequestro unitamente a 2 telefoni cellulari trovati in suo possesso.
 
Per le due persone arrestate, la competente A.G. ha disposto gli arresti domiciliari in attesa di giudizio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento