Arrestato l'incubo delle donne baresi al volante: simulava incidenti per scipparle, le ingannava fingendosi educato e gentile

Gianluca Monterale, di 38 anni, è accusato di avere messo a segno almeno sette furti a bordo del suo ciclomotore nei quartieri di Bari, Murat, Picone, Poggiofranco e Carrassi

Foto d'archivio

Questa mattina a Bari i poliziotti della Squadra Mobile hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip del Tribunale del capoluogo pugliese su richiesta della locale Procura della Repubblica, nei confronti del pregiudicato barese Gianluca Montereale, 38enne ritenuto responsabile di numerosi furti con destrezza commessi per le strade dei quartieri Murat, Picone, Poggiofranco e Carrassi.

L’uomo, a bordo di un ciclomotore con targa alterata, dopo aver adocchiato e studiato a dovere le vittime – prevalentemente donne sole alla guida di autovetture che avevano poggiato la propria borsa sul sedile – le affiancava ed attirava la loro attenzione simulando un finto sinistro di lieve entità (tamponamento, urto dello specchietto) per poi chiedere di essere risarcito o proporsi di riparare il danno. Al fine di attenuare la soglia di guardia delle ignare automobiliste, l’indagato assumeva toni concilianti e molto educati, esprimendosi sempre in italiano corretto. Anche l’abbigliamento indossato era studiato ad hoc per ingannare le vittime: barba curata, camicia pulita e ben stirata, maglioncino poggiato sulle spalle, pantaloni classici, zainetto e occhiali da sole.

Così facendo, il predetto induceva le vittime a fermarsi e scendere dalla propria autovettura ovvero ad abbassare il vetro del finestrino lato passeggero riuscendo – al primo segno di distrazione delle donne – ad impossessarsi della borsa, per poi darsi a precipitosa fuga facendo perdere le proprie tracce.

I numerosi riscontri acquisiti nel corso dell’indagine svolta dalla sezione contrasto al crimine diffuso della Squadra Mobile e coordinata dalla Procura della Repubblica, hanno dimostrato che Monterale si è reso responsabile di sette furti con destrezza consumati tra il 27 gennaio ed il 13 ottobre 2018. In alcuni casi, l’uomo è anche riuscito ad utilizzare le carte di credito delle vittime per effettuare dei prelievi dai loro conti subito dopo il furto, approfittando dei codici pin conservati all’interno dei portafogli trafugati.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La misura è stata eseguita presso la casa circondariale di Bari dove nel frattempo l’indagato era stato associato a seguito dell’arresto effettuato dai Falchi' che lo avevano colto nella flagranza dell’ennesimo furto con destrezza perpetrato nel centro cittadino lo scorso mese di agosto. In tale occasione, il 38enne era stato trovato anche in possesso di una bomboletta di spray urticante, che in passato aveva già utilizzato contro agenti di polizia per sottrarsi ai controlli. Proseguono le indagini finalizzate all’accertamento delle responsabilità dell'uomo per altri analoghi episodi verificatisi a Bari ed in provincia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Commando assalta tir pieno di prodotti alimentari e sequestra autista: caccia ai malviventi

  • Lutto nel mondo dello spettacolo: è morta Matilde Lomaglio, volto barese della tv negli anni '80

  • Stroncato dal coronavirus a 44 anni: l'addio di amici e colleghi per Luca Tarquinio Coletta, 'gigante buono' della Multiservizi

  • Come proteggersi dal contagio del ''Coronavirus'': le mascherine, i disinfettanti e le abitudini igieniche

  • Coronavirus in Puglia, 111 nuovi tamponi positivi: 37 casi nel Barese

  • Coronavirus in Puglia, 88 nuovi casi positivi: nel Barese registrato un decesso per Covid-19

Torna su
BariToday è in caricamento