menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ruba dal conto di una pensionata, incastrata dalle telecamere: arrestata impiegata delle Poste

In manette è finita una 64enne addetta allo sportello di un ufficio del Sud Barese, accusata di almeno tre "prelievi abusivi" ai danni di un'anziana

Una 64enne incensurata, impiegata in un ufficio postale del Sud Barese come operatrice di sportello, è stata arrestata dai Carabinieri poiché accusata di aver utilizzato illecitamente la carta bancomat di un'anziana 73enne, prelevando denaro dal conto corrente senza autorizzazione. In base a quanto ricostruito dai militari, la donna dopo aver ricevuto la tessera dalla pensionata, avrebbe effettuato una prima operazione all'insaputa di quest'ultima, ritirando 485 euro e ponendoli sotto il banco di lavoro della sua postazione, gettando nel cestino la ricevuta della transazione e nascondendo il denaro nella sua borsa, custodita in un armadietto.

VIDEO: L'IMPIEGATA INCASTRATA DALLE TELECAMERE

Successivamente, l'impiegata ha reinserito la tessera nel pos per effettuare l'operazione richiesta, ovvero un prelievo di mille euro dal quale stornare la somma di 485 euro per il pagamento di alcuni bollettini, non considerando di essere 'controllata' dalle telecamere installate dai Carabinieri, i quali, al termine del lavoro, hanno controllato l'impiegata, rinvenendo il contante asportato, una copiosa documentazione tra cui ricevute, estratti conto, libretti e tessere bancomat intestate ad altre persone, potenziali vittime di furti dal conto corrente. Per gli inquirenti, la 64enne avrebbe effettuato altri 2 prelievi abusivi ai danni dell'anziana vittima. La donna è stata quindi posta agli arresti domiciliari. Le indagini sono state condotte dai Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Bari Centro e della Stazione di Bari San Nicola con la piena collaborazione di Poste Italiane. In corso ulteriori accertamenti per stabilire se vi siano altri casi analoghi. L'impiegata è stata immediatamente sospesa dalle attività senza retribuzione.

In una nota, Poste Italiane informa che "ha offerto sin da subito la totale collaborazione al Nucleo Operativo dei Carabinieri di Bari e agli investigatori impegnati nell’inchiesta che ha portato all’arresto dell’impiegata di un ufficio postale a Sud di Bari". L'azienda "pone il massimo impegno per impedire ogni forma di illegalità e pertanto collabora in maniera permanente, con tutte le sue risorse, a fianco dell’Autorità giudiziaria, offrendo supporto operativo a tutela della propria clientela e dei propri dipendenti".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento