Giro di scommesse abusive legato alla 'Ndrangheta: arrestato a Malta latitante barese

Il 43enne barese Antonio Ricci è al centro dell'inchiesta 'Galassia', che nel 2018 porto a decine di custodie cautelari, anche per associazione a delinquere aggravata dal metodo mafioso, riciclaggio, autoriciclaggio e truffa

Finisce in manette a Malta il 43enne barese Antonio Ricci, al centro dell'inchiesta 'Galassia' sul sistema di scommesse online abusive collegato alla 'ndrangheta. Lo stesso Ricci è accusato di avere avuto collegamenti diretti con i clan calabresi, e già era sfuggito a un maxi blitz nel 2018. Le indagini della Scico della Guardia di Finanza e del Nucleo polizia economico finanziaria delle Fiamme Gialle di Reggio Calabria ha portato a decine di custodie cautelari verso persone ritenute appartenenti al sistema di associazione a delinquere legato alle scommesse, ma anche di altri reati, quali l'associazione a delinquere aggravata dal metodo mafioso, riciclaggio, autoriciclaggio e truffa.

Le indagini delle Fiamme Gialle

Dopo anni di fuga, il lavoro d'indagine delle Fiamme Gialle - sotto il costante coordinamento della Direzione distrettuale antimafia di Reggio Calabria - ha permesso di rintracciare il barese, poi arrestato dalla polizia maltese in collaborazione con lo S.C.I.P. del Dipartimento della pubblica sicurezza del Ministero dell'Interno e con il II Reparto del Comando Generale della Guardia di Finanza. Sinergia internazionale che ha portato ad eseguire il mandato di arresto europeo (Mae) emesso dal Tribunale di Reggio Calabria nei confronti di Ricci. Ora si attende la conferma delle procedure di estradizione da parte delle autorità maltesi, che hanno preso in custodia il 43enne.

L'inchiesta 'Il treno del gol'

Non si tratta dell'unica inchiesta che coinvolge Ricci: era coinvolto anche nell'inchiesta della Procura di catania, denominata 'Il treno dei gol', per frode in competizione sportiva su una presunta combine di alcune partite del calcio Catania per evitare la retrocessione in Lega Pro nel 2015, per la quale nei giorni scorsi la stessa Procura ha chiesto per lui, e per altri indagati, l'archiviazione delle accuse.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piccioni su balconi e grondaie: i sistemi per allontanarli da casa

  • Chiude dopo più di 20 anni il Disney Store di via Sparano a Bari: a rischio 13 lavoratori, proclamato sciopero

  • Regionali Puglia 2020, seggi aperti: corsa a otto per la presidenza

  • Positiva al covid rompe la quarantena ed esce a fare la spesa: denunciata una donna nel Barese

  • Operatrice positiva al Covid, chiude asilo nido a Bari

  • A Bari vecchia 38 positivi al Covid e Decaro mette in guardia i residenti: "A breve confronto con i gestori dei locali"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento