Scuole chiuse a Valenzano, lo striscione sugli spalti dello stadio: "Ridiamo subito un asilo ai bambini"

Il caso delle due strutture sottoposte a sequestro preventivo per un'indagine che coinvolge i gestori approda anche al San Nicola: il manifesto esposto durante Bari-Locri. Davanti agli asili affissi i disegni dei bambini

Lo striscione sugli spalti del San Nicola

"Ridiamo subito un asilo ai bambini di Valenzano": così, dagli spalti del San Nicola, viene rilanciato l'appello per i bimbi delle scuole materne di Valenzano, poste sotto sequestro preventivo domenica scorsa, nell'ambito di un'indagine per una presunta truffa sui contributi pubblici da parte della cooperativa 'I cuccioli dell'Aquilone'.

Lo striscione in tribuna esposto durante la partita Bari-Locri richiama l'appello lanciato nei giorni scorsi da genitori e maestre, che hanno manifestato davanti alla sede del Comune per chiedere, mentre le indagini vanno avanti, la riapertura delle due strutture, in modo da garantire ai loro bambini il diritto a frequentare l'asilo.

I disegni dei bambini davanti agli asili sequestrati

Inoltre, nel pomeriggio, i genitori si sono nuovamente dati appuntamento davanti alla sede di uno dei due asili sequestrati, dove sono stati affissi i disegni realizzati dai bambini per le loro maestre e per la scuola.

WhatsApp Image 2018-10-28 at 17.55.34(1)-2WhatsApp Image 2018-10-28 at 17.55.34-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Puglia resta 'zona arancione', la decisione del ministro Speranza: misure confermate

  • Dagli spostamenti tra regioni ai cenoni (vietati), il nuovo Dpcm e le misure al vaglio per Natale

  • Muore a 53 anni l'avvocata Antonella Buompastore, ex proprietaria del Kursaal Santa Lucia

  • Asfalto viscido per la pioggia, auto si ribalta e finisce fuori strada: muore 19enne

  • Bari, smantellato traffico internazionale di droga: 15 arresti, sequestri di beni per 3,5 milioni

  • Folle inseguimento a 120 km/h per le strade di Carbonara: arrestato pregiudicato 33enne

Torna su
BariToday è in caricamento