menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Obbligo di minigonna" per le aspiranti magistrate, sul caso indaga anche la Procura barese

Avviata un'indagine conoscitiva sulla vicenda relativa a Francesco Bellomo, giudice del Consiglio di Stato. La denuncia che ha sollevato il caso, presentata dal padre di una studentessa, riguarda i corsi organizzati dalla sua scuola privata di formazione per magistrati

Arriva anche all'attenzione della Procura di Bari il caso relativo a Francesco Bellomo, giudice del Consiglio di Stato di origini baresi, accusato di aver imposto minigonna e tacchi a spillo alle allieve della sua scuola privata di formazione per magistrati.

I magistrati baresi hanno aperto un fascicolo “modello 45“, cioè senza ipotesi di reato né indagati, per accertare eventuali condotte illecite commesse anche nel capoluogo pugliese: la scuola in questione, infatti, 'Diritto e Scienza', ha sedi a Milano, Roma e Bari.

Il caso è stato sollevato dalla denuncia presentata a Piacenza dal padre di una studentessa, secondo cui le allieve sarebbero state costrette a frequentare le lezioni in minigonna, tacchi a spillo e trucco marcato.

La denuncia ha fatto nascere un procedimento disciplinare nei confronti del consigliere e, secondo quanto riportato da alcuni quotidiani, anche accertamenti sull’intera vicenda anche sul piano penale.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento