menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Assalti agli sportelli automatici, Poste corre ai ripari: "Niente prelievi quando gli uffici sono chiusi"

Casse automatiche 'a secco' di sera e durante i weekend: d'ora in avanti sarà possibile effettuare prelievi soltanto durante gli orari di apertura degli uffici postali: le nuove disposizioni, valide per Puglia e provincia di Matera, alla luce dei numerosi assalti a Postamat degli ultimi tempi

Impossibile prelevare denaro dallo sportello Postamat quando gli uffici postali sono chiusi. La novità, scattata sabato scorso, ha spiazzato non pochi utenti. Che, insieme  alle casse automatiche 'a secco', hanno trovato un messaggio che li informava che per 'motivi di sicurezza' non sarebbe stato possibile effettuare alcun prelievo.

La decisione assunta da Poste Italiane è legata ai numerosi assalti  a sportelli Postamat che si sono verificati di recente. L'ultimo episodio, per quanto riguarda il barese, il doppio assalto avvenuto nella notte tra venerdì e sabato a Palo del Colle e Toritto. Di qui, le nuove disposizioni, che riguardano tutti gli sportelli di Puglia e della provincia di Matera, le zone - spiegano dall'ufficio stampa di Poste Italiane - statisticamente più esposte al fenomeno. Al momento, non è stata specificata la durata del provvedimento.

In una nota, Poste Italiane spiega che "al termine dei turni di apertura degli uffici postali, gli ATM (distributori automatici di banconote) verranno svuotati delle banconote di cui sono forniti e disattivati, per essere riforniti e resi disponibili solo alla riapertura del turno lavorativo successivo. La decisione è stata presa a seguito dei reiterati  e devastanti atti criminosi avvenuti nelle ultime settimane a danno dei suddetti distributori. Pertanto, i clienti potranno usufruire del servizio di prelievo automatico solo nell’orario di apertura degli uffici postali".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento